Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Salvatore Ferrigno, le intercettazioni con il boss mafioso Lo Duca: «Se vinci ci devi favorire con un assessorato»

Venerdì 23 Settembre 2022
Salvatore Ferrigno, le intercettazioni con il boss mafioso Lo Duca: «Se vinci ci devi favorire con un assessorato»

«Lo scellerato patto di scambio fra gli indagati» è «avvenuto secondo le tipiche modalità del contratto illecito concluso tramite rappresentante: Salvatore Ferrigno, candidato alle elezioni regionali del 25 settembre, ha accettato l'offerta di raccolta dei voti formulata da Piera Lo Iacono in nome e per conto del mafioso Giuseppe Lo Duca, promessa qualificata dalla contemplatio domini, dietro la promessa di erogazione di danaro, cui peraltro ha fatto seguito la materiale dazione». Eccolo l'atto di accusa del gip di Palermo Fabio Pilato nella misura cautelare che ha portato in carcere il candidato all'Ars Salvatore Ferrigno, il boss Giuseppe Lo Duca e la 'mediatricè Piera Lo Iacono.

Salvatore Ferrigno, mafia e voto di scambio: arrestato candidato di centrodestra in Sicilia

Le intercettazioni

«Le conversazioni intercorse fra Lo Duca, condannato in via definitiva per associazione mafiosa, e Lo Iacono- scrive il gip - svelano chiaramente i termini dell'offerta - rectius promessa- che prevedeva la raccolta di almeno duecento voti, per ciascuno dei quattro comuni sottoposti al controllo mafioso, in cambio di una somma di danaro non inferiore a cinquemila euro». «Si estrapolano le affermazioni che racchiudono l'esatto contenuto della proposta», rivela il gip: «...tu pensi che noialtri che andiamo a fare una campagna elettorale senza guadagnare una lira?», dice Lo Duca. «Io posso corrispondere al momento di tre al massimo quattro paesi, e basta. E sono: Carini, Torretta, Cinisi, Terrasini». E sempre Lo Duca: «ora tu per qua gli dici »ascoltami...« gli dici »avendo una persona... che già ci siamo capiti pure chi è, avendo quest'amicizia... non meno di cinque a paese!...«.

Il gip di Palermo Fabio Pilato definisce «particolarmente inquietante» il passo «in cui l'arrestata Piera Lo Iacono riferisce di avere esercitato pressioni con il candidato finito in manette, Salvatore Ferrigno», «perché, al di là dell'esborso di danaro, garantisse in modo programmatico gli interessi mafiosi, adoperandosi per ottenere un assessorato di comodo e favorire in tal modo l'infiltrazione di cosa nostra nel tessuto politico-istituzionale», scrive il gio nella ordinanza. E cita una intercettazione: «Gli ho detto »se tu vinci innanzitutto là dentro ci devi favorire... con un assessorato...e questo assessorato...« gli ho detto »io me lo divido con questo ragazzo… Allora, se un assessorato vale diecimila... dodicimila euro...gli ho detto «io mi devo dividere ...» gli ho detto «sti soldi con quel ragazzo... perché io lo devo fare crescere».

Chi è la donna intermediaria

A fare da intermediario tra il boss di Carini, Giuseppe Lo Duca, e il candidato all'Assemblea regionale siciliana del centrodestra, Salvatore Ferrigno, finito nella notte in manette con l'accusa di voto di scambio politico elettorale, sarebbe stata Piera Maria Loiacono, anche lei arrestata nel blitz dei carabinieri del nucleo Investigativo del Comando provinciale di Palermo. La donna, secondo gli investigatori, si è rivelata una «figura perfettamente trasversale tra il mondo della politica e quello mafioso».  «Una donna intrisa di una sconcertante 'cultura mafiosà», scrivono i pm nella richiesta di misure cautelari. Ex assessore della Giunta comunale di Campofelice di Fitalia (Palermo), nel 2017, era stata candidata, come outsider, alla Presidenza della Regione siciliana con il sostegno del movimento politico 'Libertas' e dei liberal socialisti. 

Ultimo aggiornamento: 08:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA