Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Torino choc, ragazzo di 25 anni suicida in carcere: ha infilato la testa in un sacchetto di plastica

Lunedì 15 Agosto 2022
Torino choc, ragazzo di 25 anni suicida in carcere: ha infilato la testa in un sacchetto di plastica

Un ragazzo di 25 anni, detenuto nel carcere delle Vallette di Torino, si è tolto la vita in cella, coprendosi con un lenzuolo e infilando la testa in un sacchetto di plastica. A rendere noto l'accaduto è il sindacato autonomo di polizia penitenziaria Osapp: «Nel carcere di Torino - dichiara Leo Beneduci, segretario generale dell'Osapp - la situazione è sempre più allo sbando. Tutte le organizzazioni sindacali denunciano da giorni le reiterate criticità». 

«Anche i suicidi che con così allarmante frequenza si verificano nelle carceri italiane, soprattutto qualora si consideri che delle centinaia di suicidi tentati dai detenuti, grazie all'intervento dei poliziotti penitenziari solo poco più del 5%, giunge a compimento, rendono testimonianza del grave dissesto del sistema e del fallimento dell'attuale politica penitenziaria». «Purtroppo però, da quanto si apprende dai programmi delle compagini politiche in lizza nelle prossime elezioni del 25 settembre ben poco interesse è riservato alle attuali condizioni delle carceri e al reale miglioramento delle condizioni organizzative e di lavoro della Polizia Penitenziaria«, conclude Beneduci nella nota. 

Ultimo aggiornamento: 17:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA