Zanardi, i medici: «Stabile ma grave, fiduciosi nelle sue possibilità di recupero»

Domenica 21 Giugno 2020
Zanardi grave ma stabile dopo la seconda notte in terapia intensiva: attesa per il nuovo bollettino medico

Alex Zanardi ha trascorso la seconda notte in terapia intensiva all'ospedale di Siena, dove è ricoverato dopo l'intervento neurochirurgico per le fratture al cranio e al volto riportate nell'incidente con l'handbike contro un camion a Pienza il 19 giugno. Le condizioni, che restano gravi, sono stazionarie e continua il coma farmacologico. Sedato, continua a essere ventilato meccanicamente e il monitoraggio dei parametri clinici è costante. 

L'ottimismo del direttore. «Rispetto a quando Alex Zanardi è arrivato al pronto soccorso le condizioni sono veramente cambiate. Il dato positivo è che più passa il tempo e le condizioni restano stabili, questo ci fa ben sperare». Lo ha detto Sabino Scolletta, direttore del Dipartimento emergenza urgenza dell'ospedale Santa Maria delle Scotte di Siena. «Vuol dire - ha detto Scolletta - che non c'è un passo indietro e questo ci dà grande fiducia. Siamo fiduciosi come ieri. Siamo a due giorni dal trauma, confidiamo che le condizioni cliniche rimangano stabili e questo ci può dare in settimana la possibilità di pensare di valutarlo neurologicamente».

Alex Zanardi tornerà il campione di prima? «Lo auspichiamo e lo speriamo. Siamo qui per questo motivo - ha aggiunto - Confidiamo nella sua possibilità di recupero, siamo tutti fiduciosi - ha aggiunto- È un grande atleta e lo ha dimostrato e auspichiamo che questo valga anche in questa situazione così impegnativa». 

Il bollettino medico. «Le condizioni attuali di stabilità generale ancora non consentono di escludere la possibilità di eventi avversi e pertanto il paziente resta sempre in prognosi riservata», spiega il nuovo bollettino medico di stamani dell'ospedale di Siena. L'atleta, dicono i medici , «ha trascorso la notte in condizioni di stabilità cardio-respiratoria e metabolica. Le funzioni d'organo sono adeguate. È sempre sedato, intubato e ventilato meccanicamente. Il neuromonitoraggio ha mostrato una certa stabilità ma questo dato va preso con cautela perchè resta grave il quadro neurologico».

Alex Zanardi, l'imprudenza fatale «Stava filmando col telefonino»
Zanardi, per la moglie Daniela un secondo inferno: «Ma la corsa non deve fermarsi, Alex vorrebbe così»

Sequestrati cellulare e handbike. Il cellulare che Alex Zanardi portava durante la staffetta Obiettivo Tricolore è stato sequestrato dai carabinieri nell'inchiesta della procura di Siena sull'incidente del 19 giugno che lo ha visto gravemente ferito contro un camion a Pienza. Secondo quanto appreso il telefono è a disposizione degli investigatori per eventuali verifiche. Sequestrata anche l'handbike su cui viaggiava Zanardi: il mezzo potrebbe essere sottoposto a esami tecnici per ricostruire la dinamica dell'impatto col camion, in particolare per definire i punti di urto tra i due veicoli.
 

 
 

Ultimo aggiornamento: 22 Giugno, 00:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA