Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Donbass, gli obici italiani FH70 da 155 mm in azione: colpiscono ad oltre 25 km di distanza

Giovedì 26 Maggio 2022 di Diodato Pirone
Un cannone FH70 da 155 mm donato dall'Italia all'Ucraina

Il ministero della Difesa dell'Ucraina ha postato su twitter le prime foto dei cannoni italiani donati a Kiev e appena entrati in azione nel Donbass. Le foto sono state postate anche dal giornalista Illia Ponomarienko e dal sito Ukraine Weapons Tracker. Si tratta di obici FH70 da 155 millimetri in grado di sparare tre colpi al minuto a una distanza che può superare i 25 chilometri. Per l'Italia si tratta di una donazione molto "pesante". Il nostro Esercito, infatti, dispone in tutto solo di una settantina di questi cannoni che peraltro sono in servizio già da tempo.

 

 

 

Cannoni FH70: colpiscono ad oltre 40 km di distanza

Il cannone FH70 è frutto di un accordo fra Regno Unito, Germania e Italia che lo progettarono assieme negli anni Novanta del secolo scorso per sostituire il precedente obice M114. Sul fronte ucraino l'FH70 si affianca agli M777 americani, canadesi, australiani e olandesi, cannoni moderni ed molto efficienti, e ai Caesar francesi. Questi ultimi sono obici di ultima generazione, in grado di raggiungere obiettivi anche oltre i 40 chilometri di distanza. Sia gli M777 che i Caesar francesi sono in grado di sparare proiettili di precisione a guida GPS che sbagliano l'obiettivo di pochi metri.

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 27 Maggio, 11:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA