Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Soldato russo a processo per stupro in guerra: «Uccise il marito e violentò una donna». Chi è il primo militare a finire in tribunale

Lunedì 30 Maggio 2022
Soldato russo a processo per stupro in guerra: «Uccise il marito e violentò una donna». Ecco chi è

Stupri in Ucraina. Il primo caso di violenza nelle guerra è stato portato in tribunale. Ad annunciarlo la procuratrice generale ucraina, Iryna Venediktova, su Twitter. A sedere sul banco degli imputati è Mikhail Romanov.

Bimbo stuprato e ucciso a un anno da soldati russi malati: l'accusa del Ministero della Difesa ucraino

Le accuse al soldato russo 

Si tratta di un militare del 239esimo Reggimento della 90esima Divisione corazzata della Guardia Vitebsk-Novgorod delle Forze armate russe. L'uomo «sarà processato per il presunto omicidio del marito e per violenza sessuale di gruppo contro sua moglie», ha spiegato Venediktova.

La vicenda

L'ufficio del procuratore regionale di Kiev e il servizio di sicurezza dell'Ucraina hanno stabilito che a marzo, durante l'occupazione del distretto di Brovary, «un uomo ha fatto irruzione in una casa in uno dei villaggi e ha sparato al suo proprietario. Un soldato ubriaco e un altro occupante hanno violentato più volte sua moglie subito dopo l'omicidio. Hanno minacciato la donna con armi e violenze, anche contro il figlio, che in quel momento si trovava nelle vicinanze». Venediktov ha espresso fiducia che l'esercito russo non sfuggirà a un processo equo e alle proprie responsabilità davanti alla legge, «anche se l'accusato al momento non è ancora nelle nostre mani».

 

Ultimo aggiornamento: 31 Maggio, 06:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA