Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Russia-Ucraina, la guerra degli infiltrati: chi sono i traditori licenziati da Zelensky (da Olehovych a Kireev)

Venerdì 1 Aprile 2022
Russia-Ucraina, la guerra degli infiltrati: chi sono i traditori licenziati da Zelensky (da Olehovych a Kireev)

La guerra d'Ucraina si combatte anche con gli infiltrati. Altre due teste sono cadute a Kiev oggi. Il licenziamento dei «traditori» è stato annunciato dal presidente Volodymyr Zelensky. I generali degradati sono l'ex capo del dipartimento principale del servizio di sicurezza interno (Sbu), Naumov Andriy Olehovych, e l'ex capo del servizio di sicurezza nella regione di Kherson, Serhiy Oleksandrovych.

«Secondo l'articolo 48 dello statuto disciplinare delle forze armate dell'Ucraina - si legge nella nota prodotta da Zelensky per il 36° giorno di guerra -, quei militari tra gli alti ufficiali che non hanno deciso dove sia la loro patria, che violano il giuramento militare di fedeltà al popolo ucraino per quanto riguarda la protezione del nostro stato, la sua libertà e l'indipendenza, saranno inevitabilmente privati di alti gradi militari». 

Ucraina diretta, Zelensky rimuove due generali: «Sono traditori». Mosca: attacco ucraino a depositi di petrolio in territorio russo

 

I sabotatori e gli informatori

Gli infiltrati tra le fila ucraine non sono una novità. Il primo caso, il più eclatante finora, è quello di Denis Kireev, spia di Putin che aveva partecipato al primo round di negoziati sedendo dalla parte di Kiev. Kireev, una volta scoperto, è stato ucciso. Aveva provato a ribellarsi all'arresto, hanno comunicato fonti ucraine. Aveva un passato come vice direttore di un gruppo bancario ucraino e poi entrato nei servizi segreti locali. Da dentro, forniva dati sensibili al Cremlino. Come lui, altri. Zelensky sta provando a fare piazza pulita e deve muoversi con cautela. Può fidarsi di pochi (rischia ancora di essere assassinato) ed è costretto a convivere con le scorie lasciate dai governi filorussi rimasti al potere in Ucraina fino al 2014. Girano dati economici, politici, militari, preziosi soprattutto in un momento così decisivo. 

Durante la guerra hanno avuto un ruolo decisivo anche i sabotatori. Russi, infiltrati tra i civili ucraini, che da dentro le città informavano sugli impianti difensivi organizzati dall'esercito. L'intelligence ha scoperto che molti di loro si erano insediati nei luoghi sensibili già da mesi. Altri, come successo a Kiev, hanno provato a entrare con ambulanze o camion degli aiuti umanitari.

 

 

Le spie al Cremlino

Ma se Atene piange, Sparta non ride. Anche in Russia ci sono decine di infiltrati, sia occidentali che ucraini. Il capo dell'intelligence di Kiev ha raccontato che i piani di invasione di Putin erano già noti da tempo a Zelensky, proprio grazie alla rete di informatori «alcuni dei quali anche insediati nelle stanze importanti del Cremlino». Ieri Joe Biden ha rivelato che Putin sta licenziando decine di consiglieri. Lo zar, raccontano i media vicini a Mosca, è estremamente paranoico. Teme il tradimento e vede spie e nemici anche dove non ci sono. È la guerra psicologica che non si combatte al fronte. Ma che è altrettanto decisiva. 

Ultimo aggiornamento: 2 Aprile, 06:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA