Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, paura per l'inviata del Tg1: agenti con kalashnikov irrompono nella stanza d'albergo in diretta a Uno Mattina

Giovedì 3 Marzo 2022
Ucraina, paura per l'inviata del Tg1: agenti con kalashnikov irrompono nella stanza d'albergo in diretta a Uno Mattina

«Eravamo in camera, in diretta con 'Uno Mattinà, abbiamo sentito urlare, sbraitare e sbattere la porta. Sono entrati due agenti armati e con il mefisto, hanno buttato giù i due operatori di ripresa a terra, con il ginocchio sulla schiena e facendogli alzare le mani. Non capivano nulla di inglese quindi ci hanno tenuto dieci minuti urlando come pazzi, col kalashnikov puntato alla testa dei colleghi». A raccontare all'Adnkronos la terribile 'disavventurà appena vissuta è Stefania Battistini, l'inviata del Tg1 per raccontare il conflitto in Ucraina che nel momento dell'irruzione si trovava in un hotel a Zaporizhzhia, vicino a Dnipro, insieme ai colleghi Simone Traini e Mauro Folio. «Continuavano a chiederci 'perché siete nel nostro Paese?' -racconta la giornalista- Io, forse perché pensano che le donne siano meno pericolose, sono stata delegata alla ricerca dei documenti». La Battistini ricostruisce la dinamica: «Credo siano stati chiamati dalla direttrice dell'albergo, che credo li abbia chiamati per segnalare un'attività secondo lei sospetta». Il motivo, come spiega l'inviata, è che «qui c'è un livello di paranoia totale, ogni cosa che per loro non è usuale ed è considerata una minaccia. Hanno paura, vivono nel terrore che ci siano spie russe, in parte e comprensibile ma per chi fa il giornalista è un incubo». 

Mariana, notaio in fuga con tre figli dall'Ucraina: «Sei giorni di viaggio infernale»

La tensione si è alzata quando gli agenti hanno fatto irruzione anche nella stanza di altri due inviati italiani, Cristiano Tinazzi e Andrea Carrubba, che si trovavano in una delle stanze affianco. «Mi hanno accompagnato a fare la stessa cosa da loro, usandomi come testimone nella loro stanza, hanno rifatto la stessa scena», dice l'inviata. Che aggiunge: «Se mi sono spaventata? Certo quando vedi un collega con un'arma puntata alla testa ti preoccupi, sì». Poi «qualcuno deve aver telefonato, ci deve essere stato qualcuno che ha evidentemente spiegato, è arrivata la polizia in borghese e la cosa ha preso dei contorni più dialoganti e civili e ci hanno lasciato alzare la terra», racconta la Battistini. Ora «la situazione è tornata alla normalità, devo dire che alla fine si sono anche scusati, hanno detto 'sorrry'». 

Ultimo aggiornamento: 19:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA