Cyberbullismo: al Suor Orsola il primo master multidisciplinare per prevenirlo dall’età scolare

Venerdì 27 Novembre 2020

Contrastare il fenomeno del cyberbullismo a partire dall’età scolare. E’ questo l’obiettivo del Master di Primo livello in “Specialista in problematiche dell'infanzia e dell'adolescenza e nella prevenzione e contrasto al bullismo e cyberbullismo” proposto dall’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli nell’ambito di una equipe multidisciplinare coordinata dai professori Antonella Gritti, Margherita Musello, Fabrizio Manuel Sirignano. 

Il corso è destinato non solo a laureati, educatori, formatori ed insegnanti di ruolo e precari, ma anche a dipendenti di enti locali o enti pubblici, aziende sanitarie locali, giornalisti ed esperti di comunicazione che desiderino acquisire conoscenze e competenze in un settore così delicato per imparare ad ideare e predisporre interventi e campagne di contrasto come previsto dalle legge 71/2017 (Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo). 


Grazie alla sinergia tra il gruppo di ricerca in pedagogia e didattica e quello di neuropsichiatria infantile dell’ateneo il Percorso di Alta formazione specialistica professionalizzante (1500 ore - 60 CFU più 24 CFU per l'accesso ai concorsi nella scuola) garantisce, unico in Italia, una formazione multidisciplinare che è il frutto di un interscambio dialettico continuo da cui deriveranno anche competenze teorico cliniche ed indicazioni circa le metodologie da adottare e la loro traduzione operativa nelle situazioni di maggiore criticità. 


L’iter formativo avrà inizio a novembre per concludersi poi a marzo e sarà svolto in modalità sincrona online consentendo quindi di interagire in diretta con docenti e tutor nonché di prendere parte a laboratori a distanza e tirocini in modalità indiretta telematica. 


Le discipline previste sono quelle della pedagogia, della didattica e della neuropsichiatria infantile, argomenti relativi al bambino e l’adolescente con disturbi dell’apprendimento, depressivi o d’ansia oltre a nuove forme di dipendenza e di esclusione ed approfondimenti sulla normativa vigente. 
 
Il bando di ammissione prevede agevolazioni economiche per alcune categorie tra cui: docenti di ruolo e precari delle scuole di ogni ordine e grado, giornalisti professionisti e pubblicisti, dipendenti di aziende sanitarie locali e centri di riabilitazione, laureati in Scienze della Formazione Primaria e Scienze dell’Educazione. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA