In prigione con Pedro,
castighi e demoni
all'ombra della Vicaria

di Vittorio Del Tufo

«Attaccate un soldato alla bocca di un cannone e accostatevi con la miccia: chi sa! Penserà il disgraziato, tutto è possibile Ma leggetegli la sentenza di morte e lo vedrete piangere o impazzire. Chi ha mai detto che la natura umana può sopportare un colpo simile senza impazzire? E allora, a cosa può mai essere utile una pena così mostruosa?» (Fedor Dostoevskij, L'idiota) * * * Ombre, riflessi, memorie di vite passate. Lapidi sepolcrali e prigioni segrete. I sotterranei di Castel Capuano...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 21 Luglio 2019, 20:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP