Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gary Oldman ad Amalfi: sosta gourmet
sul mare per l'attore di Harry Potter

Domenica 31 Luglio 2022 di Mario Amodio
Il oremio Oscar con Gianpaolo Esposito

Anche Gary Oldman è in Costiera Amalfitana. L’attore britannico che in oltre trent'anni di carriera ha regalato una serie di personaggi rimasti nella memoria, ha fatto tappa ad Amalfi dopo il Giffoni Film Festival concedendosi ieri sera un'escursione gastronomica al ristorante Marina Grande.

Oldman, che tra i tanti premi ha vinto l'Oscar per il suo Winston Churchill nel film “L'ora più buia”, si è lasciato deliziare dalle specialità marinare dello chef Francesco Sardegna tra i giovani emergenti della cucina gourmet.

Consigliato dagli owner del Marina Grande, Enzo e Gianpaolo Esposito, quest'ultimo amico personale di Oldman che aveva incontrato proprioall'ultimo Golden Globe, l'interprete di Dracula nel colossal di Francis Ford Coppola, ha fatto una vera e propria full immersion tra i sapori della Costiera Amalfitana concedendo a fine pasto l’immancabile foto ricordo proprio con l'amico Gianpaolo.  

Video

Con Oldman, uno degli attori più conosciuti e amati capace come è stato di interpretare ruoli totalmente diversi (dal commissario Jim Gordon nella trilogia del cavaliere oscuro di Batman fino al Sirius Black in quattro film della saga di Harry Potter e che ora si appresta a tornare nella seconda stagione di “Slow Horses” che sta per iniziare a girare a Londra) si infittisce il lungo enenco di personaggi del cinema e del jet set internazionale che hanno fatto tappa ad Amalfi quest'estate confermando il forte appeal dell'antica repubblica marinara. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA