Rifiuti, De Luca a De Magistris:
raccolta differenziata solo al 20%

ARTICOLI CORRELATI
di Barbara Landi

  • 333
«Uno splendido lavoro di riqualificazione ambientale. È uno dei 49 siti che la Regione deve bonificare per recuperare la multa che l'Unione Europea ha elevato alla Campania per infrazione ambientale»: in questi termini si esprime il governatore Vincenzo De Luca durante l'inaugurazione dell'ex discarica del comune di Baronissi, in zona Cariti, bonificato con un finanziamento di 1,3 milioni di euro.

«Un intervento significativo - insiste De Luca - Ora è indispensabile completare gli altri 48 siti dove sono in corso i lavori che speriamo di completare entro il 2016 per alleggerire la multa stabilita  dall'Ue in 120mila euro al giorno dal mese di gennaio. Ci sono discariche molto più ampie di questa, come la Resit di Napoli, con oltre un milione di tonnellate di rifiuti inquinanti. Noi dobbiamo essere credibili in Europa realizzando fatti». 

Le bonifiche sono solo una parte del piano integrato di gestione dei rifiuti. Altro obiettivo, infatti, é il miglioramento della raccolta differenziata regionale. Per completare il ciclo integrato dello smaltimento dei rifiuti «dobbiamo avere una raccolta differenziata che su base regionale arrivi al 65% e Baronissi da questo punto di vista è un comune virtuoso, ma dobbiamo incrementare soprattutto nella città di Napoli la raccolta differenziata perché siamo poco sopra il 20% e soprattutto dobbiamo realizzare decine di impianti di compostaggio per la lavorazione dell'umido». 

A ciò si aggiunge la realizzazione di decine di impianti di compostaggio per la valorizzazione dell'umido, attraverso accordi con i vecchi stir e finanziandone circa 20 ex novo, evitando così i termovalorizzatori. «È l'unico piano ambientale sostenibile per la Campania», insiste il presidente che, nella successiva visita all'isola ecologica di Baronissi, sottolinea il modello virtuoso da esportare in tutta la regione, richiedendo una relazione sulla metodologia utilizzata per arrivare a circa l'81per cento di differenziata certificata dal comune nel 2016. In contemporanea all'inaugurazione anche il sit-in pacifico degli operai delle Fonderie Pisano, con cui De Luca si é intrattenuto per una conversazione informale: «Ci stiamo impegnando per la delocalizzazione. Ci sono varie ipotesi dove poter dislocare la fabbrica, ma siamo continuamente attaccati dai comitati. La salute pubblica é un bene da difendere. Occorre però spiegare nei dettagli ai cittadini il nuovo progetto, che mi sembra davvero un'ottima opzione».

«Portiamo avanti - ha detto il sindaco di Baronissi Gianfranco Valiante - scelte importanti quali il rispetto dell'ambiente, la prevenzione del rischio. Devo ringraziare la regione Campania perché grazie al corretto utilizzo delle risorse europee, siamo riusciti a realizzare quest'opera che aspettavamo da 32 anni». Non solo. De Luca ha aggiunto: «La Regione Campania introdurrà degli incentivi premiali a seconda del livello di raccolta differenziata che si produce, perché mi sembra anche corretto premiare chi si impegna e produce risultati e non premiare chi non fa nulla. Quelli che raggiungono un punto di eccellenza credo che debbano avere un aiuto anche finanziario da parte della Regione. Faremo tutto ciò per premiare il merito». 
Sabato 24 Settembre 2016, 12:25 - Ultimo aggiornamento: 24-09-2016 15:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP