«I domestici non dovrebbero avere un giorno libero»: star di Instagram nella bufera, i marchi ritirano le collaborazioni

«I domestici non dovrebbero avere un giorno libero»: star di Instagram nella bufera, i marchi ritirano le collaborazioni
Quando hai più di due milioni di follower su Instagram devi fare molta attenzione a quello che dici, ed essere pronto ad assumerti la responsabilità delle tue opinioni. Lo ha imparato a sue spese una influencer del Kuwait, Sondos Alqattan, che si è vista abbandonare dai marchi di cosmetici che sponsorizza dopo scatenato una dura reazione tra i suoi fan per aver criticato una legge che permette ai collaboratori domestici di avere un giorno di riposo a settimana.




Sondos Alqattan è una make-up artist a all'inizio di luglio ha pubblicato un video su Instagram in cui si è lamentata del nuovo regolamento in vigore nel suo paese per cui i domestici possono godere di un giorno libero e del diritto di tenere con sé i propri passaporti, al contrario di quanto avviene nella prassi per cui i datori di lavoro li sequestrano.

«Come puoi lasciare un domestico a casa con il suo passaporto?», Ha chiesto la signora Alqattan. Gli utenti dei social media hanno criticato i commenti come razzisti, e hanno chiesto ai marchi di cosmetici di tagliare le collaborazioni con l'influencer. E già alcuni brand hanno risposto: Chelsea Beautique, una società di make-up, ha annunciato che avrebbe rimosso un video sponsorizzato da Sondos Alqattan dai suoi canali social. «Riteniamo che debbano essere fornite a tutti condizioni di lavoro decenti e tale comportamento non rappresenta le convinzioni fondamentali del nostro marchio», ha dichiarato la società su Twitter.

Un portavoce del marchio di profumi francesi M Micallef ha detto che la sua compagnia è rimasta "scioccata" dai commenti della signora Alqattan e avrebbe interrotto collaborazione.

La Alqattan ha difeso le sue convinzioni in un altro video. «Che cosa hanno a che fare i diritti umani (del lavoratore) con il suo passaporto? Anche i nostri figli non tengono il passaporto», ha detto.

Il Kuwait impiega quasi 700.000 lavoratori domestici, su una popolazione di quattro milioni di abitanti. Molti di loro provengono dalle Filippine, che hanno temporaneamente messo al bando i propri cittadini dal lavoro domestico in Kuwait dopo che una cameriera è stata uccisa e nascosta in un congelatore.
Il divieto è stato revocato quest'anno dopo che il Kuwait ha accettato di concedere ai lavoratori alcune protezioni, dopo anni di denunce da parte di gruppi per i diritti umani contro gli abusi subiti dai lavoratori domestici nell'emirato del Golfo. 
 
Lunedì 23 Luglio 2018, 22:31 - Ultimo aggiornamento: 23-07-2018 22:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-07-24 08:49:19
queste persone vivono in un altra epoca, per la signorina un domestico è davvero di una specie inferiore e senza alcun diritto come probabilmente altre persone che fanno tipi di lavoro simili e inutile che inorridiamo questa è la loro realtà, forse fra altri 100 anni qualcosa sarà cambiato, ma per ora resta cosi.

QUICKMAP