Happy Days, morto lo storico produttore Thomas Miller. Ron Howard: «Intelligente e spiritoso»

Giovedì 9 Aprile 2020
Happy Days, morto lo storico produttore Thomas Miller. Ron Howard: «Intelligente e spiritoso»

Se ne va un altro storico pezzo della tv anni 80. Thomas L. Miller, produttore entrato nella leggenda televisiva per sitcom iconiche come Happy Days, «La famiglia Hogan», «8 sotto un tetto», «Gli amici di papà» e Mork & Mindy, è morto a Salisbury, nel Connecticut (Usa), per complicazioni legate alle malattie cardiache di cui soffriva tempo. Aveva 79 anni. L'annuncio della scomparsa del produttore televisivo statunitense, avvenuta domenica scorsa, riferisce The Hollywood Reporter, è stato dato dalla sua famiglia e da Robert L. Boyett, il suo partner di 40 anni. Una sepoltura privata avrà luogo nella sua città natale di Milwaukee. In una carriera piena di successi, Miller ha co-fondato le società di produzione televisiva Miller/Boyett Productions, Miller/Boyett/Warren Productions e Miller-Milkis Productions, che rispettivamente sono state dietro alcune delle serie più amati e seguite degli anni '70, '80 e '90. Su Twitter gli attori mitici del telefilm Happy Days Ron Howard ed Henry Winkler hanno reso omaggio a Miller. Howard lo ha definito «gentile, intelligente e spiritoso», mentre Winkler ha scritto che il produttore «mi ha dato, insieme ai suoi collaboratori, la mia vita a Hollywood».

Henry Winkler vince il primo Emmy Award a 74 anni: «Che emozione, ho scritto il discorso nel 1975»

Nato il 31 agosto 1940, Miller ha frequentato la Nicolet High School di Glendale, nel Wisconsin, prima di laurearsi all'Università del Wisconsin a Madison con una laurea in arti liberali nel 1962. Appassionato da sempre di film e televisione, si trasferisce giovanissimo a Los Angeles per lavorare nel settore dello spettacolo e inizia a lavorare a Hollywood per il suo idolo, Billy Wilder. Il regista assunse Miller prima come insegnante di dialoghi e poi come assistente di regia: la loro collaborazione include film classici tra il 1959 e il 1966 come «Non per soldi... ma per denaro», «Baciami, stupido» «Irma la dolce», «Uno, due, tre!», «L'appartamento» e «A qualcuno piace caldo». Miller ha affermato, in più occasioni, di aver imparato molto da Wilder e il regista premio Oscar ha continuato a esercitare un'enorme influenza creativa su di lui per il resto della sua carriera di produttore. I due sono rimasti amici fino alla morte di Wilder nel 2002.

Morta Erin Moran, la Joanie di Happy Days: aveva 56 anni, era caduta in disgrazia

La carriera di Miller in televisione è iniziata come assistente di William Self alla 20th Century Fox, dove insieme hanno co-creato la commedia della Abc «La tata e il professore» (1970-71). Si è poi trasferito ai Paramount Studios dove ha supervisionato la programmazione di serie comiche e drammatiche e film televisivi originali. Miller ha quindi lasciato una promettente carriera come dirigente televisivo per affermarsi come produttore. Ha co-fondato la sua prima società di produzione con il partner Edward K. Milkis nel 1969 con un accordo stipulato con la Paramount. Per la Abc, la Miller-Milkis Productions ha sviluppato, insieme a Garry Marshall, le popolari serie «Happy Days», «Laverne & Shirley», «Mork & Mindy» tra le altre. La compagnia ha anche prodotto il telefilm poliziesco «Petrocelli» per la Nbc. Miller-Milkis ha prodotto, inoltre, due film di successo, «Wagon-lits con omicidi» (1976) e «Gioco sleale».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA