Marina Confalone: «Gomorra? Portare certi esempi nelle case non è corretto»

Domenica 8 Dicembre 2019 di Daniela Volpecina
L’attrice napoletana Marina Confalone ieri sera ospite della rassegna ‘Capua Città Madre’ con un reading letterario incentrato sul tema delle madri. Tra gli autori scelti Erri De Luca e Diego Cugia. E - per la prima volta - un estratto di Filumena Marturano di Eduardo De Filippo. ‘Non ho mai interpretato questo personaggio – ha dichiarato al termine dell’esibizione – spero di poterlo fare presto a teatro’. Al suo fianco nella suggestiva cornice della Chiesa di Sant’Eligio il sassofonista Gianni D’Argenzio. Reduce dal successo cinematografico de ‘Il vizio della speranza’ di Edoardo De Angelis - che le è valso ben nove premi, tra questi il David di Donatello, i Nastri d’Argento e il Ciak d’oro come migliore attrice non protagonista – Marina Confalone ha annunciato che tornerà presto sul set. Per lei prossimamente un film e una fiction tratti da due lavori di Maurizio De Giovanni e ambientanti a Napoli. E a proposito del modo in cui oggi il cinema e la tv rappresentano la sua terra sullo schermo, aggiunge: ‘Ho visto tutti gli episodi de L’amica geniale che mi è piaciuta molto. Un po’ meno Gomorra. Sicuramente un prodotto di grandissima qualità ma portare nelle case delle persone certi esempi non mi sembra proprio corretto’. La rassegna ‘Capua Città Madre’ , promossa dal Comune di Capua, proseguirà anche oggi con un ricco cartellone di eventi.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA