Salernitana, tutti i dubbi in attacco:
oggi si scioglie il nodo Ribéry

Lunedì 29 Novembre 2021 di Alfonso Maria Avagliano
Salernitana, tutti i dubbi in attacco: oggi si scioglie il nodo Ribéry

Seduta di rifinitura decisiva per Franck Ribéry. Il ginocchio sinistro fa ancora i capricci e solo oggi saranno sciolti i dubbi sulla sua presenza contro la Juventus. Ieri mattina al Mary Rosy il fantasista ha lavorato a parte insieme a Kastanos, continuando a gestirsi: è così da quando è arrivato e sarà così fino a fine stagione. Oggi alle 15 Colantuono tirerà le somme sui due, nel tentativo di migliorare quell'informale «più no che sì» che aleggiava fino a ventiquattro ore fa sul conto del francese. Il mister ci crede, il palcoscenico della sfida ingolosisce il calciatore, che con la Vecchia Signora non ha mai perso in otto confronti, tra le esperienze di Monaco di Baviera e Firenze. Proprio contro la Juve giocò la prima da titolare in Italia il 14 settembre 2019 al Franchi (0-0). Quel giorno fece coppia in viola con Chiesa, sicuro assente domani nelle file avversarie («lesione di basso grado del bicipite femorale della coscia sinistra»). Anche McKennie verso il forfait. Saltata Cagliari, l'orientamento dello staff sembrava quello di lasciare Ribéry ancora a riposo, per poi averlo sabato contro il Milan. Ma non è detto, si deciderà oggi. Dopo l'allenamento odierno, l'allenatore darà responsi in conferenza stampa pre-partita. C'è anche il risveglio muscolare di domani.

Se FR7 venisse convocato, non sarebbe scontato il suo impiego da titolare. Sta meglio Kastanos, sofferente alla schiena: dovrebbe unirsi al gruppo oggi e accomodarsi in panchina. Buone notizie da Schiavone: ieri si è allenato regolarmente con i compagni non impiegati in Sardegna (potenziamento muscolare e partitine a pressione) ed è recuperato. Chi ha partecipato attivamente all'1-1 dell'Unipol Domus, invece, ha lavorato in palestra. Inevitabile, con partite a distanza ravvicinata, cercare di gestire un po' tutto e tutti. Compresi Veseli e Obi, in campo contro i rossoblu nonostante gli acciacchi. Domani saranno disponibili. Non Gondo (stamani l'ecografia che chiarirà l'entità dell'infortunio muscolare), Strandberg, Mamadou Coulibaly e Ruggeri, che continuano con la fisioterapia. Anche per il norvegese il rientro non è previsto a stretto giro: se ne parlerà nel 2022. Quale modulo contro Allegri? «In questo momento, il 4-4-2 è quello che può darci più riferimenti. Ogni settimana perdiamo un pezzo, ci sono giocatori in rosa che non ho nemmeno mai visto calciare un pallone», l'ultimo sfogo di Colantuono. Posto che molto dipenderà da FR7, se il francese marcasse visita non ci sarebbero diverse alternative. Zortea - forte dell'ottimo impatto isolano, con tanto di assist tornerà titolare sull'out destro alto. Per il resto, potrebbero essere confermati gli interpreti di Cagliari. Fiducia ovviamente a Bonazzoli («Insieme, da squadra, continuiamo a lottare», si gasa sui social), l'unico dubbio riguarda il centravanti. Spera in una nuova occasione Simy, che ha ospitato due volte la Juventus, guadagnando due 1-1 col Crotone allo Scida e siglando altrettanti gol: il primo nel 2018 a Szczesny in rovesciata, l'altro su rigore a Buffon l'anno scorso. Quando vede bianconero può esaltarsi anche Djuric, che aprì le marcature nel febbraio 2015 al Manuzzi con la casacca del Cesena. È finora l'unico precedente tra il bosniaco e la Juve, anche allora finì in parità (2-2). Il gigante di Tuzla ha firmato l'unica vittoria casalinga ottenuta finora dai granata, contro il Genoa. «Ci portiamo a casa il punto e va bene così. le sue parole di venerdì L'abbiamo riacciuffata all'ultimo respiro, al termine di una gara con poche occasioni da gol, decisa da due episodi. È stata una partita sporca». Come il lavoro che servirà per raggranellare qualcosa domani.

Capitolo società. Comincia la settimana della terza deadline in pochi mesi fissata dai trustee per la consegna di offerte per l'acquisto del club. Tutto (ancora) silente. Il sindaco di Salerno, Enzo Napoli, mantiene la delega allo sport e al momento non pare intenzionato a intervenire sulla questione. Intanto, oggi il generale Marchetti sarà in città per sbrigare le ultime pratiche relative alla chiusura dei conti trimestrali, mentre venerdì Isgrò e Bertoli saranno in call conference per l'assemblea di Lega. Si parlerà anche di ripartizione dei ricavi dalla Coppa Italia e dell'applicazione del Decreto Lotti in materia di quota botteghini e audience per la suddivisione dei proventi dai diritti tv.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA