Cassa integrazione per i calciatori
Ghirelli e i club di C esultano

Giovedì 14 Maggio 2020 di Danilo Sorrentino
Il decreto Rilancio, presentato ieri sera dal Governo, fa sorridere le società di Serie C. Nel documento che sarò pubblicato a breve in Gazzetta Ufficiale, come si preannunciava da giorni, è stato inserito un articolo dedicato all'introduzione della cassa integrazione per gli atleti sportivi professionisti. Una misura di sostegno per le società, in particolare quelle di terza serie, in un momento particolare, in cui i campionati sono fermi da fine febbraio-inizio marzo. L’intervento costerà allo stato circa 21 milioni di euro e andrà a coprire gli stipendi fino a 50mila euro per 9 settimane, con destinatari non solo i calciatori ma tutti gli sportivi professionisti: una platea stimata pari a circa 5mila beneficiari. Un provvedimento storico, perchè mai la cassa integrazione era stata concessa agli atleti.

Una boccata d'ossigeno per tantissimi club di Serie C, comprese le campane che potranno beneficiare di questa misura di sostegno. La Casertana respira, soddisfatta anche la Paganese con il presidente Raffaele Trapani che sin da subito aveva spinto verso questo tipo di soluzione. Le società di Serie C, inoltre, saranno sollevate dal pagamento dell’IRAP e potranno beneficiare di un contributo a fondo perduto e potranno accedere a misure di incentivo fiscale, come un credito di imposta fino al 60% per i canoni di locazione, di leasing e di concessione degli immobili destinati allo svolgimento delle attività sportive.

Decisamente soddisfatto il Presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli, che all’indomani dell’annuncio del decreto Rilancio, ha ringraziato il Governo e i ministri Spadafora e Gualtieri «per aver ascoltato e compreso i bisogni del mondo del calcio e per aver fornito risposte concrete» e la Figc «per aver fatto sintesi tra le istanze del nostro settore e per averle rappresentate».  © RIPRODUZIONE RISERVATA