Gelbison sconfitta annunciata a Catanzaro, la capolista vince con un netto 3-0

Padroni di casa a segno con Iemmello (doppietta) e Biasci

Gelbison sconfitta a Catanzaro
Gelbison sconfitta a Catanzaro
di Gerardo Lobosco
Domenica 20 Novembre 2022, 17:26 - Ultimo agg. 17:34
3 Minuti di Lettura

In casa Gelbison si sapeva che la trasferta al Ceravolo con la capolista Catanzaro era una missione difficile e puntalmente il campo ha confermato le indicazioni e le previsioni della vigilia che volevano le Aquile del Sud nettamente favorite e alla fine così è stato.

Il Catanzaro ha vinto e convinto nettamente con una prova autorevole mettendo in mostra i suoi bomber principali: Iemmello autore di una doppietta, che ha aperto e chiuso i giochi, in mezzo l'altro attaccante Biasci, subentrato al greco Sounas infortunatosi nella prima frazione.

Squadre schierate a specchio con i due tecnici Vivarini, per i calabresi e De Sanzo per i cilentani che propongono il 3-5-2, poi il Catanzaro passa ad un attacco a 3. Fin dall'inizio la capolista prova a mettere sotto pressione i salernitani che al 22' devono capitolare grazie ad una bella girata di Iemmello. La reazione della Gelbison è affidata a Fornito, ma il portire para. Intorno alla mezzora altre due occasioni per gli uomini di De Sanzo, con Kyeremateng prima, e De Sena dopo, ma  entrambe le volte non sortiscono nulla. Il Catanzaro chiude in avanti.

Nella ripresa stesso copione. Catanzaro a dettare i tempi e Gelbison sulla difensiva e al 14' Biasci, servito da Iemmello da posizione defilata firma il 2-0. La Gelbison prova a scuotersi e sono i due attaccanti rossoblu a cercare di impensierire la retroguardia della capolista, ma la porta di Fulignati, resta inviolata, invece arriva la terza rete per i giallorossi, e il solito Iemmello, complice un D'Agostino non impeccabile, riesce a mettere nuovamente la sua griffe per il suo non sigillo stagionale. E sul 3-0 si chiude il match. Per il Catanzaro  è la 12esima vittoria che la conferma in testa con 38 punti, mentre la Gelbison resta a quota 19 e domenica ospita il Picerno e lo farà quasi sicuramente nella nuova sede del Guariglia di Agropoli. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA