Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ania, un'antenna su clima e psiche nella Silicon Valley

Mercoledì 20 Luglio 2022 di Mario Baroni
Ania, un'antenna su clima e psiche nella Silicon Valley

L’associazione delle imprese assicurative italiane (Ania) ha aperto un avamposto speciale nel cuore della Silicon Valley, per la precisione presso il Mind the Bridge Innovation Center di San Francisco con l’obiettivo di identificare e intercettare i trend innovativi che impattano sul comparto assicurativo e seguire gli sviluppi della rivoluzione tecnologica e digitale del settore.

Tecnicamente si tratta di una “Innovation Antenna”, un occhio (e un orecchio) aperto per cogliere tutti i segnali dell’innovazione utili da condividere con le imprese assicurative. Con la mission di non ledere la competitività delle imprese, ma di fornire a tutti gli associati elementi di conoscenza e di collaborazione utili allo sviluppo del business. Gruppi di lavoro, position paper, ricerche, rappresentano le ricadute ormai abituali derivanti dall’Antenna di San Francisco per i 134 associati di Ania.

OLTRE IL RADAR

 Una caratteristica distintiva dell’Innovation Antenna è che consente di avere una connessione diretta con gli attori e gli ecosistemi locali, come le startup di successo, molte delle quali già scaleup, i Venture Capital e i CVC (Corporate Venture Capital), le grandi compagnie americane e le Insurtech, oltre naturalmente alle aziende tecnologiche, ai centri di ricerca e le università. Tale presenza fisica garantisce un accesso privilegiato a trend e opportunità “oltre il radar”, normalmente non realizzabile attraverso un “classico” sforzo di scouting. L’Innovation Antenna di Ania conta anche di trasformarsi – non appena le condizioni lo consentiranno – in un avamposto di innovazione in grado di ospitare missioni tecnologiche nella Silicon Valley che coinvolgano il top management delle associate con l’obiettivo di entrare in contatto con gli ecosistemi e gli stakeholder più interessanti. I primi progetti che stanno offrendo concreti elementi di riflessione grazie all’Innovation Antenna di San Francisco riguardano il “mental health” e il “climate change”. Benessere psicologico e mutamenti climatici sono destinati a cambiare molte aree di rischio della salute e della condizione di vita di tutti. Il primo progetto ha avuto come oggetto un tema di grande impatto economico e sociale, quello del Mental Health. La prospettiva dello studio è stata fornita proprio dal punto di osservazione privilegiato del mercato in rapida evoluzione della Silicon Valley, oltre che dall’analisi sulla realtà locale. Lo studio parte dalla considerazione che il Mental Health sta assumendo sempre più peso in ambito sociale ed economico; infatti, durante la pandemia il numero di persone che ha riportato sintomi di ansia o depressione è triplicato e la domanda di cure per la salute mentale è aumentata ben oltre i livelli pre-pandemia. Il consumo di psicofarmaci contro la depressione è in aumento come anche l’uso di oppioidi. Allo stesso tempo si riscontra una domanda crescente di servizi e coperture assicurative non adeguatamente coperta, appunto. Grazie all’Ania Innovation Antenna è stato possibile conoscere tecnologie innovative che grazie all’applicazione di metodologie di Machine Learning offrono la possibilità di quantificare la depressione, il livello di stress e il livello degli stati d’ansia.

CATASTROFI NATURALI

Altrettanto significativo presidiare l’area del “climate change”. Il cambiamento climatico impatta sull’ambiente con effetti sempre più evidenti. Nonostante gli sforzi condivisi da organizzazioni e governi di tutto il mondo, il trend legato ai parametri climatici quali, ad esempio, l’aumento della temperatura, l’innalzamento del livello del mare, la quantità di emissioni di CO2 nell’atmosfera, non sta rallentando. A partire dal 2019, le compagnie di assicurazione hanno registrato un aumento esponenziale dei risarcimenti determinati da eventi climatici avversi. Eventi naturali che fino a ieri erano considerati di frequenza hanno acquisito una elevata intensità tramutandosi in veri e propri eventi catastrofali (come, ad esempio, il vento e la pioggia forte) causando ingenti danni sia nel comparto property che nel settore agricolo. La tecnologia può offrire molti elementi di valutazione del rischio per garantire coperture assicurative sempre più adeguate alle nuove condizioni di vita sul pianeta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 21 Luglio, 07:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA