«Napoli, salari solo per due mesi.
Poi Comune a rischio crac»

ARTICOLI CORRELATI
di Luigi Roano

12
  • 395
«Chiariamo subito un punto: per i prossimi due mesi l’amministrazione è in grado di pagare gli stipendi, poi la speranza è che il problema venga risolto altrimenti potremmo andare in difficoltà» racconta l’assessore al Bilancio Salvatore Palma. Getta secchiate di ghiaccio sul fuoco delle polemiche, cerca di tranquillizzare i dipendenti, tuttavia l’orizzonte di tranquillità al momento è molto corto, 60 giorni o poco più e il titolare della delega più strategica di Palazzo San Giacomo non lo nasconde. 

Tra 72 ore la Cassazione deciderà se concedere la sospensione del pignoramento di 120 milioni chiesto dal Consorzio Cr8 oppure lasciare le così come stanno. In questo caso i comunali sarebbero pagati, ma come? «Abbiamo la possibilità di avere anticipazioni di tesoreria, certo, hanno un costo, però gli stipendi li paghiamo. E giacché ci siamo - prosegue l’assessore - chiarisco un altro punto, il pignoramento vero e proprio non è ancora arrivato, per ora è il Tesoriere, ovvero il Banco di Napoli, che precauzionalmente tiene bloccate quelle somme». La differenza è sostanziale, tuttavia, venerdì 13 se la Cassazione non concedesse la sospensione il pignoramento scatterebbe. 

Palma allarga il ragionamento alla manovra di bilancio: «Con il Milleproroghe l’approvazione del bilancio deve essere fatta entro il 31 marzo, ma è chiaro che se entro febbraio non si chiarisce la questione del pignoramento, sarà molto difficile fare una manovra se si sottraggono somme pari a 120 milioni. Credo che ci saranno almeno un paio di appuntamenti a Roma, molto importanti, per trovare una soluzione che auspico si trovi». Questo il quadro di una situazione molto complessa che tiene sulle spine tutto il Comune. L’eventuale impossibilità di varare il bilancio o peggio ancora, essere costretto a farlo con il fardello di 120 milioni in meno rappresenterebbe la paralisi. A maggior ragione per un ente in predissesto quale è Palazzo San Giacomo. Significherebbe impattare in maniera negativa sui servizi essenziale e non solo. 
 
Continua a leggere sul Mattino Digital
Martedì 10 Gennaio 2017, 08:20 - Ultimo aggiornamento: 10-01-2017 19:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2017-01-11 11:26:16
NO johnnyred1, ti sbagli, i commenti lamentevoli sono sempre delle stesse persone. Tra l'altro, fino ad ora, non ho visto nessun sindaco a Napoli capace di fare qualcosa di buono, dato che questo è un debito che ha origine dall'80...... mi dici prima di lui chi ha fatto seriamente il suo dovere? non sto difendendo de magistris, sia chiaro, intendo solo dire che cmq non è peggio dei suoi predecessori, sperando che uno dei tanti che si lamentano magari ha la geniale idea di candidarsi a sindaco e fare un buon lavoro..... ma onestamente? dubito che nessuno qui abbia la benchè minima consapevolezza di quel che c'è da fare, ci sono troppi leoni da tastiera. salutiamo
2017-01-10 18:53:33
Ho la medicina per pagare.togliere i 39 euro, hotel, telefonini,ecc.agli immigrati,clandestini ecc. e PAGARE I STIPENDI
2017-01-10 14:12:44
Bravo "giovauriem"! Hai detto bene. Basta viverla appena questa città per rendersi conto che NESSUNO dei dipendenti comunali fa il suo dovere. A cosa servono? Non averli e non pagarli servirebbe invece a pagare i debiti....
2017-01-10 13:19:00
La colpa e' di Saviano !
2017-01-10 12:28:22
I commenti lasciati qui mi fanno ben sperare in un futuro migliore. Forse i napoletani si stanno svegliando e si stanno rendendo conto che questo è uno dei peggiori sindaci che Napoli abbia mai avuto: incompetente, inutile e vanesio

QUICKMAP