Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Avellino, Nargi difende la Ztl e rilancia:
«Aggiungiamo eventi e servizi»

Mercoledì 29 Giugno 2022 di Rossella Fierro
Avellino, Nargi difende la Ztl e rilancia: «Aggiungiamo eventi e servizi»

«La maggioranza dei locali serali del centro storico sta rispettando le regole del vivere civile. Chi non lo ha fatto rappresenta un'eccezione ed è stato già richiamato all'ordine dalla Polizia Municipale».

Laura Nargi getta acqua sul fuoco delle polemiche che stanno infiammando le nottate del centro storico pedonalizzato. Dopo le proteste di alcuni residenti che hanno lamentato il perdurare di bivacchi e movida molesta fino alle due di mattina non solo nel fine settimana ma anche nei giorni feriali, la vicesindaco con delega al commercio rassicura che il Comune ha già preso provvedimenti. «In questi giorni più che polemiche ho registrato entusiasmo e voglia di ricominciare sia da parte dei gestori delle attività commerciali che dei residenti del centro storico. C'è stato qualche problema come evidenziato da alcuni residenti, ma si tratta di pochissime eccezioni rispetto alle quali abbiamo già preso provvedimenti. Abbiamo recepito le lamentele e la Polizia municipale ha già provveduto a convocare chi di dovere per chiedere spiegazioni e avvertirli che l'amministrazione comunale è e resterà molto attenta al rispetto delle regole fino alla fine della sperimentazione della Ztl. Stiamo facendo di tutto per conciliare le esigenze dei residenti della zona con quelle dei commercianti e dei frequentatori dell'isola pedonale. Il centro storico deve essere vissuto, ma chiaramente questo non significa penalizzare chi ci abita. Come tutte le novità introdotte in qualsiasi città, ognuno deve abituarsi e comportarsi nel rispetto degli altri. L'amministrazione è ben cosciente di quelli che possono essere i problemi iniziali di una sperimentazione ed è pronta eventualmente a porvi rimedio».

Nargi difende la scelta di chiudere il centro storico al traffico automobilistico e permettere così ai gestori dei locali serali di estendere le proprie pertinenze all'esterno con tavolini e ombrelloni. E plaude al comportamento generale: «La maggioranza assoluta dei commercianti a mezzanotte in punto stacca la musica rispettando le regole. Inoltre l'utenza della Ztl è molto variegata ci sono ragazzi, ma anche persone adulte e famiglie con bambini che passeggiano e consumano per le strade del centro. Le attività commerciali stanno facendo la loro parte nella rivitalizzazione di una delle zone più importanti della città, si sono consorziate e hanno fatto rete per far riscoprire a tutta la cittadinanza il cuore antico della città, in particolare nei mercoledì sera grazie ad iniziative musicali organizzate da loro in collaborazione con l'associazione Caos».

Complessivamente per la vicesindaco il bilancio delle prime settimane di chiusura quotidiana al traffico dalle 20 all'1 delle strade del cuore antico della città, è assolutamente positivo. «In tutte le città i centri storici, in particolare d'estate, sono pieni di persone e di iniziative. Così si valorizza realmente anche il nostro centro storico, quella messa in atto è una sperimentazione che può essere migliorabile. In questi giorni abbiamo avuto riunioni con il vice comandante della Polizia municipale e con gli uffici per capire anche come garantire ulteriormente la sicurezza di tutti. Dalle prossime sere infatti abbiamo disposto anche la presenza di un'ambulanza fissa all'ingresso della Ztl in modo da poter intervenire immediatamente in caso di necessità di soccorso».

E le iniziative in cantiere per rilanciare e valorizzare il centro storico non sono finite. «In collaborazione con l'associazione dei Lions organizzeremo visite guidate nel centro storico in modo da far riscoprire aprire ad avellinesi e turisti anche i beni storici e culturali della città. E tra due settimane riapriremo anche i cunicoli Longobardi di Corso Umberto. Inoltre abbiamo sottoscritto un protocollo d'intesa con il Conservatorio per l'organizzazione di una festa della musica permanente e itinerante lungo le strade del centro storico. Inizieremo durante l'estate con l'esibizione dei musicisti e degli allievi del Conservatorio davanti ai nostri monumenti. Anche questo è un modo per valorizzare Avellino, la sua storia e i suoi beni e di restituire dignità al centro storico».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA