Neonata morta al Rummo
sei avvisi di garanzia tra i medici

Mercoledì 21 Novembre 2018 di Pasquale Pallotta
Questa mattina tornerà ancora più forte il dolore per i genitori. Il corpicino della loro bimba verrà riesumato nel cimitero di Cervinara. Poi, nella giornata di domani sarà effettuata l'autopsia. L'esame irripetibile è stato disposto dalla Procura della Repubblica di Benevento, titolare dell'inchiesta è il pm Maria Amalia Capitanio, e sarà affidato al medico legale Massimo Esposito. La vicenda riguarda la morte di una bimba, nata prematura. Tutto è accaduto nei primi giorni del mese. Una donna di Cervinara, al sesto mese di gravidanza, viene ricoverata presso l'ospedale «Rummo» di Benevento, in quanto accusa dei problemi. I medici decidono di farla partorire e così a fine ottobre dà alla luce una bimba. Nonostante la gestazione non sia stata completata, la neonata sta bene e viene riposta in un'incubatrice per permetterle di continuare il percorso che doveva portare a termine nel ventre materno. Tutto sembra procedere bene, ma quando i miglioramenti delle condizioni della bimba sembravano far prevedere una evoluzione positiva, la situazione precipita e la bimba muore. A nulla servono le richieste di spiegazione che i genitori rivolgono ai medici, ai camici bianchi chiedono un perché che possa alleviare in parte il loro dolore immenso.
 
Quel corpicino viene cosi consegnato ai genitori e ai familiari e viene sepolto nel cimitero di Cervinara. Ma la voglia di conoscere il perché di una morte che ha gettato nello sconforto un'intera famiglia, è forte. In quei momenti non sai cosa fare, a volte hai paura di prendere qualsiasi decisione. Troppi i lati oscuri che non convincono i genitori, troppe le domande senza risposta e troppi i dubbi.
L'ESPOSTO
La coppia di Cervinara, qualche giorno dopo, affiancata dagli avvocati Giovanni Bizzarro e Raffaella Cioffi, decide di presentare un esposto alla Procura di Benevento e una dettagliata denuncia ai carabinieri. Capitanio a seguito della denuncia ha disposto il sequestro della cartella clinica e dopo aver valutato attentamente anche le dichiarazioni de genitori ha ordinato la riesumazione del corpicino della bimba, fissando per domani l'autopsia e iscrivendo nel registro degli indagati sei persone tra medici e personale infermieristico dell'ospedale Rummo: le ipotesi di reato sono a vario titolo lesioni personali e omicidio colposo. Si tratta di un atto dovuto per permettere alle persone indagate di nominare periti di parte per assistere all'autopsia. Naturalmente, la stessa cosa potrà essere fatta anche dalla coppia di Cervinara.
A maggio sempre al Rummo un'altra coppia aveva vissuto una triste esperienza, quando la loro bimba era venuta alla luce priva di vita. La madre, ricoverata in serata in ospedale dopo aver rotto le acque, era stata sottoposta solo dopo diverse ore a un parto cesareo e la bimba era venuta alla luce morta. Per quella vicenda sono sette le persone iscritte nel registro degli indagati e anche per quella vicenda ci sono due genitori che attendono che venga fatta piena luce.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA