Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Illuminazione e cantiere in piazza: nuovo scontro minoranza-sindaco

Sabato 13 Agosto 2022 di Giovanna Di Notte
Illuminazione e cantiere in piazza: nuovo scontro minoranza-sindaco

Polemiche sul completamento dei lavori in piazza Annunziata, che da mesi è un cantiere a cielo aperto, e sui relativi costi per concludere l'opera. A sollevare nuovamente la questione sono i tre consiglieri di minoranza Giulia Abbate, Giuseppe Maltese e Biagio Supino, che hanno interrogato il sindaco Vincenzo Falzarano in riferimento alla sentenza del Consiglio di Stato che ha annullato il project financing, progetto che prevede la gestione e la manutenzione della pubblica illuminazione e, appunto, il rifacimento della centralissima piazza, simbolo della cittadina caudina, e dei porticati di via Dante Alighieri.


«Piazza Annunziata versa nel degrado scrivono i consiglieri d'opposizione e fino ad ora abbiamo ascoltato solo inutili proclami in antitesi alla complessa gravità urbanistica, economico patrimoniale e della sicurezza del cantiere. Alla luce di tale situazione, abbiamo chiesto al sindaco di conoscere le sue valutazioni politiche e amministrative sull'argomento e in particolare perché tale criticità non compare nel bilancio di previsione 2022-2024 e perché la sentenza del Consiglio di Stato non è stata ancora discussa in consiglio comunale con l'eventuale debito fuori bilancio discendente». Inoltre, Abbate, Maltese e Supino chiedono chiarimenti sull'ammontare delle spese e «in che modo - evidenziano - si intende procedere urbanisticamente ed economicamente per rimediare al disastro patrimoniale e urbanistico causato dalle scelte sbagliate di amministratori inadeguati. Il sindaco non ha risposto alle semplici domande, classificandole arbitrariamente ed erroneamente un accesso agli atti e rimandandoci a più generalizzati termini di legge».

Ma da Palazzo Montevergine spiegano che il progetto per il completamento della piazza è in fase di elaborazione da parte dei tecnici e che «secondo un primo calcolo dice il sindaco Falzarano - per concludere l'opera occorrono circa 100mila euro. A settembre farò redigere il progetto per il completamento della piazza anche se manca poco, e lo faremo con un piccolo mutuo ma è necessario il tempo tecnico per procedere secondo la prassi». Il primo cittadino ha sottolineato che c'è «l'impegno dell'amministrazione per consegnare alla comunità una piazza adeguata al contesto e al prestigio della città. Mi meraviglia che questa interrogazione sia stata fatta anche da chi conosce bene la macchina amministrativa. Chi oggi mi interroga su questa vicenda fino allo scorso anno faceva parte della nostra amministrazione e, dunque, conosce bene la complessità della materia. Infatti, all'indomani della messa in opera del project financing abbiamo cercato anche un responsabile esperto per il piano economico e finanziario, questa idea era stata condivisa da tutti, anche da chi oggi è all'opposizione. Le continue polemiche sollevate dalla minoranza consiliare sembrano dei pretesti per far perdere tempo ai nostri uffici che, come noto, sono già ridotti all'osso».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA