Ponte San Nicola a rischio:
2,5 milioni per il salvataggio

di Gianni De Blasio

Il ponte San Nicola ha bisogno di interventi urgenti, poiché i fenomeni di degrado sono progressivi e quindi devono essere rimosse o almeno ridotte le cause, intervenendo anche con opportuni rinforzi. In linea di massima, dovranno essere realizzati nell'arco di 18 mesi, ma quelli di manutenzione (smaltimento acque, svuotamento e pulizia cassoni) risultano immediati quanto quelli di rinforzo, poiché atti a ridurre e contenere le cause di degrado. Il tutto, per un importo stimato di 2,5 milioni. «Qualora gli interventi non venissero effettuati nei tempi indicati, si ritiene che il ponte non possa continuare ad essere utilizzato in condizioni di sicurezza». È la conclusione alla quale è pervenuta l'apposita commissione di esperti, costituita dal dirigente del settore Opere Pubbliche del Comune di Benevento, Maurizio Perlingieri, il tecnico consulente dell'Anas, l'ingegnere Pietro Moretti, specializzato nella costruzione di ponti e viadotti, nonché due docenti universitari, Maria Rosaria Pecce ordinario di Tecnica delle Costruzioni presso l'Università del Sannio ed Edoardo Cosenza, docente di Tecnica delle costruzioni presso la Federico II di Napoli.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 5 Maggio 2019, 15:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP