Marco Ciriello
HERZOG di
Marco Ciriello

Language is a virus from outer space

Venerdì 18 Marzo 2016
Dice Marco Rossari alla fine del suo “Piccolo Dizionario delle malattie letterarie” (italosvevo) che la letteratura è una malattia, facendone un breve elenco in ordine alfabetico. È un libro dispari, raffinato, ironico, che in poche definizioni battezza le manie degli scrittori o la loro anima più profonda: “Gomorrea: malattia venerea contraibile con impegno. Sintomi: ipertrofia della prosa, ridondanza retorica, forte propensione all’orazione civile”. È un gioco elegante che richiede al lettore un retroterra: “Cechov [piede di]: passo corto, ma di ampio respiro”. Ma c’è l’estensione anche agli strumenti dello scrittore (figo o con tendenza a): “Moleskine: virus di ceppo patagone che ha conseguenze letali verso le ambizioni del paziente”. O certi vezzi: “Namedropping: manifestazione incurabile di arbasinismo, accompagnata da gravi perdite di nomi, cognomi, eventi, luoghi, facezie, couplets, bon mots”. Insomma medici o pazienti: vale la pena di leggerlo.  Ultimo aggiornamento: 11:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA

GLI ULTIMI POST

di Marco Ciriello
Leggi tutti