Coronavirus in carcere nel Casertano,
i parenti dei detenuti invocano l'indulto

Giovedì 9 Aprile 2020 di Mary Liguori

I familiari dei detenuti del carcere di Santa Maria Capua Vetere stanno protestando davanti all’istituto di pena. Chiedono maggiori tutele sanitarie, dopo i quattro reclusi risultati contagiati da covid-19, e chiarezza sui presunti maltrattamenti che si sarebbero verificati nel penitenziario dopo la rivolta di domenica.  Il presidio di familiari, che espongono striscioni su cui si invoca l’indulto, è tenuto sotto controllo dalle forze dell’ordine.

LEGGI ANCHE Choc a Caserta: contagiati altri tre detenuti, alta tensione

Sono state autorizzate a entrare all’interno per esporre le loro domande alle autorità carcerarie. Incontreranno il vicedirettore. I familiari hanno annunciato che interromperanno la protesta solo dopo la promessa della riattivazione delle videochiamate che stanno sostituendo i colloqui, interrotti il 5 marzo per le misure anti-covid.
 

Ultimo aggiornamento: 17:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA