Caldaia va a fuoco, panico e fiamme in un condominio

di ​Claudio Lombardi

RECALE. È di un principio di intossicazione e di danni, non strutturali, il bilancio dell’incendio scoppiato, un'ora fa a Recale, che avrebbe potuto avere conseguenze ben peggiori. Il rogo è divampato su un balcone di un appartamento al secondo piano di uno stabile residenziale in via Napoli, 33. Ad andare in fiamme, la caldaia per il riscaldamento domestico, che, per fortuna, non è scoppiata. Ancora da stabilire con certezza la causa scatenante, anche se l’ipotesi più accreditata resta quella di un corto circuito.
L'allarme è stato lanciato dai residenti, insospettiti, sulle prime, non tanto dalle fiamme, quanto dal fumo nero che è cominciato a entrare in casa. Sul posto, in pochi minuti, è accorsa una squadra dei vigili del fuoco del comando provinciale con due autobotti e un’autoscala. L’incendio è stato subito domato e non è stato necessario sgomberare la palazzina.
 
Venerdì 2 Febbraio 2018, 20:58 - Ultimo aggiornamento: 02-02-2018 21:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP