Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Carcere di Santa Maria Capua Vetere,
carne farcita all'hashish e nuova rissa

Venerdì 29 Luglio 2022
Carcere di Santa Maria Capua Vetere, carne farcita all'hashish e nuova rissa

«Nella giornata di ieri il ridotto personale di polizia in servizio al settore colloqui ha scoperto nei pacchi diretti ai detenuti portati dai familiari carne cruda farcita all'hashish, con un sequestro di circa 100 grammi di stupefacente». Lo rende noto Emilio Fattorello, segretario nazionale per la Campania del Sappe, aggiungendo: «Questo è solo uno degli interventi effettuati dagli agenti della polizia penitenziaria, tra eventi critici all'ordine del giorno. Come la rissa tra decine di detenuti che il garante dei detenuti della Provincia di Caserta, Elisa Belcuore, censura e liquida come un lieve litigio». «Solo che quel 'lieve litigiò - prosegue - ha tutte le caratteristiche di un preciso reato perseguibile di ufficio con aggravante delle lesioni.

Le violenze tra i detenuti di S. Maria si registrano continuamente, quindi invitiamo la garante ad accedere agli eventi critici della sala situazioni per riscontrare le continue aggressioni tra detenuti, al personale, con oltraggi e resistenze a pubblico ufficiali, con devastazioni, traffici cellulari e droga, estorsioni: di sicuro non fenomeni stagionali, ma espressione di un sistema penitenziario allo sfascio di cui noi dovremmo avere il controllo. La rissa - precisa il sindacalista - si è verificata all'interno della sala socialità dove era ristretta in quel momento la quasi totalità dei detenuti della sezione: oggi si parla solo di 6 detenuti coinvolti perché quelli che sembra si siano fatti refertare. Gli altri nel rispetto della regola principe carceraria dell'omertà sono rientrati in cella. Ci sono testimonianze precise degli agenti e, dove occorresse, le immagini delle telecamere»

© RIPRODUZIONE RISERVATA