Villa Literno, scoperta fabbrica abusiva: operai cinesi stipati in ambienti sporchi e insicuri

Giovedì 26 Marzo 2015

VILLA LITERNO - Cinesi al lavoro nella fabbrica abusiva. Un immigrato è stato denununciato dai carabinieri e l'opificio chiuso. Infatti a Villa Literno, in via delle Dune, nell’ambito di un servizio straordinario finalizzato al contrasto del fenomeno degli opifici clandestini presenti sul territorio, i carabinieri della locale stazione hanno denunciatoo, in stato di libertà, per "violazioni normativa in materia di lavoro nonché igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro" un cittadino cinese di 25 anni, domiciliato a Villa Literno. Nella circostanza è stato scoperto un laboratorio clandestino per la produzione di scarpe all’interno del quale erano impiegate sette persone sprovviste di regolare contratto di lavoro. I militari dell’Arma hanno altresì rilevato uno stato dei luoghi di lavoro in totale carenza delle più elementari condizioni di igiene e sicurezza. Inoltre proprio il locale seminterrato adibito ad opificio è risultato sprovvisto di autorizzazione e pertanto sottoposto a sequestro penale, unitamente alle attrezzatture ivi installate, utili alla realizzazione di 11 postazioni di lavoro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA