Pranzi d'autore di Oretta Bongarzoni, le ricette che fanno bene alla ricerca

Con l'acquisto del libro che unisce letteratura e cucina si contribuisce a sostenere la ricerca dei tumori pediatrici Airc

Una illustrazione del libro
Una illustrazione del libro
Lunedì 5 Dicembre 2022, 16:23 - Ultimo agg. 16:55
3 Minuti di Lettura

Sembra di sentirlo: l'odore dell'omelette di Tabucchi, del pane all'uvetta di Maupassant, dei krapfen di E.M. Forster. Il gusto malinconico delle prughe di Simone de Beauvoir o delle melanzane all'amore di Garcìa Màrquez. E, per finire, la torta di mele di Wharton o il soufflè al rum di Mansfield. Ricette della grande letteratura raccolte da Oretta Bongarzoni, giornalista ormai scomparsa di “Paese sera”: un elenco succulento di ingredienti e  indicazioni semplici per la preparazione in cucina, ma pieno di annotazioni che rimandano a classici intramontabili e passaggi ricercati nei libri preferiti dall'autrice.

Per ogni scrittore citato, in "Pranzi d'autore" è indicata anche una sintetica biografia, e il bel testo - edito da Minimum fax - è arricchito dalle illustrazioni di Agnese Pagliarini e dalla postfazione di Davide Orecchio, figlio di Bongarzoni. Lui svela che la mamma annunciò l'intenzione di realizzare il libro nell'estate del 1994, trovando i materiali senza disporre di internet, battendo a macchina i testi sulla Olivetti studio 45 colore verde pastello, prime bozze che avrebbe ricopiato al computer.

L'antologia fu pubblicata a novembre dello stesso anno. Nella dedica al suo ragazzo, lo definì in corsivo "il libro-sfizio di una madre avariata". «Non immaginava che il volume avrebbe avuto una buona vita», chiosa ora Orecchio. «Non sapeva che a lei, invece, restava solo un anno di vita. Era ammalata e aveva raccolto le ricette. Dalle sue carte e dai libri si era sparso per casa il sapore immaginato», stanando pietanze da romanzi, memoriali, racconti ben oltre il pranzo di Babette della Blixen, teatralmente fascinoso e crudele, al centro di un film molto visto e molto noto. 

Oggi "Pranzi d'autore"  resta «come una crema lenisce ustioni e punture, come una pozione che calma gli organi interni», conclude Orecchio, ed è così per più di una ragione. Acquistando il libro attraverso questo link si contribuisce infatti a sostenere la ricerca sui tumori pediatrici Airc. L'iniziativa solidale vale, però, solo sulle vendite dirette.

© RIPRODUZIONE RISERVATA