Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rdr acquisisce il 35% di Nexus per rendere il monitoraggio smart e sostenibile

Venerdì 1 Luglio 2022
Rdr acquisisce il 35% di Nexus per rendere il monitoraggio smart e sostenibile

La famiglia di Rdr S.p.A, azienda di Torre del Greco e leader nel settore del ciclo integrato delle acque si allarga per fare spazio all’innovazione, con l’ingresso della Pmi innovativa Nexus Tlc S.r.l. con sede a Napoli, specializzata nel settore dell’IoT, Internet of Things.

L’operazione, di cessione quote e aumento di capitale, vede l’acquisizione del 35% del capitale sociale di Nexus da parte di Rdr, con l’obiettivo di sviluppare progetti in ambito tecnologico applicati ai servizi nel settore delle acque, grazie al know-how della Pmi innovativa napoletana specializzata nella realizzazione di soluzioni avanzate per il monitoraggio e il controllo da remoto della gestione aziendale in diversi ambiti, tra cui quello della sicurezza, efficienza e sostenibilità.

Fondata nel 1978 da Francesco Di Ruocco come laboratorio artigianale di elettromeccanica oggi Rdr è il quarto player italiano nel settore del ciclo integrato delle acque, specializzata nella progettazione, costruzione, gestione, manutenzione, messa in servizio e conduzione di opere acquedottistiche e impianti di trattamento acque. «Il particolare momento storico che stiamo attraversando ci impone di tutelare e gestire con intelligenza la risorsa idrica – commenta Luca Serena, Ad di Rdr S.p.A - L’ingresso di Nexus nella famiglia si inserisce nel percorso di crescita e innovazione che l’azienda sta portando avanti per rendere il nostro servizio sempre più sostenibile ed efficiente.Il 60% della rete idrica italiana ha più di 30 anni e il 42% dell’acqua distribuita nella rete nazionale non viene contabilizzata a causa di perdite, la tecnologia e la digitalizzazione possono venirci in aiuto in questo, ecco perché come azienda stiamo investendo tantissimo sull’innovazione e sulla crescita di figure specializzate».

Quella di Nexus è un’operazione che si inserisce nel percorso di m&a previsto dal piano industriale di Rdr che ha già visto ad inizio del 2022 l’acquisizione della società la Aviomar Srl, un’azienda storica del territorio, da oltre 40 anni sul mercato, specializzata nelle attività di manutenzione meccanica di precisione su macchine rotanti e con un fatturato di oltre 1 milione. Il connubio tra le due aziende ha dato vita a Officine Rdr - Aviomar, una realtà autonoma e in grado di sviluppare professionalità e competenze portando il proprio ambito di azione oltre quello del ciclo integrato delle acque.

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA