Reddito di cittadinanza, controlli con le banche dati: stretta per stanare chi lo percepisce illegalmente

Lunedì 30 Novembre 2020 di Francesco Bisozzi
Reddito di cittadinanza, controlli con le banche dati: stretta per stanare chi lo percepisce illegalmente

Al via i controlli a tappetto dell’Inps per stanare i furbetti del reddito di cittadinanza, ma la misura in vigore ormai da più di un anno e mezzo ha già eroso oltre 10 miliardi di euro. È arrivato l’ok del Garante della privacy che autorizza l’istituto di previdenza a incrociare i dati sensibili dei richiedenti contenuti nelle banche dati dell’Agenzia delle Entrate, delle Regioni, dell’Aci e del ministero della Giustizia. Caccia ai...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre, 10:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA