George Floyd, Lady Gaga accusa Donald Trump: «Stupido e razzista»

Lunedì 1 Giugno 2020 di Silvia Natella
Lady Gaga commenta la morte di George Floyd e accusa Donald Trump: «Stupido e razzista»
«Donald Trump è uno stupido e razzista». Lady Gaga interviene sulla vicenda di George Floyd e in un post su Instagram non usa mezzi termini per attaccare la politica del presidente degli Stati Uniti. Dopo la morte dell'afroamericano arrestato a Minneapolis sono scoppiate delle proteste e delle rivolte in tutto il Paese. Ci sono scontri con le forze dell'ordine e la cantante è tra i personaggi dello spettacolo che ha voluto denunciare la situazione attuale e prendere una posizione contro il razzismo.

Leggi anche > «Don't do it»: la campagna contro il razzismo di Nike dopo la morte di George FLoyd​

Come ricorda l'Independent, Lady Gaga è impegnata in questi giorni con l'uscita del suo ultimo album "Chromatica" e ha messo da parte il suo lavoro per criticare l'operato di Trump definendolo «folle» e «razzista». «Ho un sacco di cose da dire, ma la prima cosa che voglio dire è che ho paura di dire qualsiasi cosa che possa incitare ulteriore rabbia... non voglio contribuire a ulteriore violenza ma a una soluzione», scrive l'artista, che definisce l'uccisione di Floyd il «risultato di un razzismo sistematico e di un sistema corrotto che lo supporta».


«Le voci della comunità nera - continua - sono state silenziate per troppo tempo... ogni giorno la gente in America è razzista, è un fatto». Poi l'attacco al presidente: «Sappiamo da molto tempo che il Presidente Trump ha fallito. È nell'ufficio più potente al mondo, e continua a non offrire altro che ignoranza e pregiudizio mentre gli afroamericani continuano a morire. Abbiamo capito che è pazzo e razzista da quando ha preso il suo incarico. Sta alimentando un sistema in cui è già radicato il razzismo e le attività razziste e possiamo vedere tutti quello che sta avvenendo. È ora di cambiare... Come donna bianca e privilegiata mi impegno a tenermi pronta. Come comunità privilegiata non abbiamo fatto abbastanza per lottare il razzismo e lottare per quelle persone che per causa sua sono state uccise... Sono triste, arrabbiata e userò le parole che troverò per comunicare cosa bisogna cambiare come una strada di non violenza per me».
  © RIPRODUZIONE RISERVATA