Restauro 4.0, ecco l'Academy
per i tecnici dei beni culturali

È stata presentata oggi negli uffici dell'Acen l'Academy Restauro 4.0. Si tratta del primo centro di formazione stabile in Italia per la creazione di quadri tecnici, specializzati nelle tecnologie applicate al restauro, che saranno avviati al lavoro dopo il percorso formativo. Il primo corso dell'Academy - cofinanziato da Miur e Regione Campania - partirà a gennaio e formerà «professionalità tecniche del restauro di edifici, parchi e giardini storici» modellate sui reali bisogni delle imprese con un percorso inquadrato dal MIUR nell'istruzione terziaria professionalizzante. Caratteristiche dell'Academy sono i percorsi di alta specializzazione e l'efficace match tra le esigenze delle imprese della filiera delle costruzioni e i profili professionali anche emergenti.

«È un modello virtuoso quello che abbiamo suggellato oggi - ha detto Federica Brancaccio, presidente dell'Acen. »L'Academy fa tesoro di un precedente e riuscito percorso che ha collocato l'80% degli allievi, diplomati e laureati formati anche «on the job», in azienda. Le imprese possono attingere così a un bacino di professionisti specializzati, che vengono poi collocati in aziende del territorio, nonostante la crisi che ha colpito e ancora attanaglia il nostro settore« - ha concluso Brancaccio. Il precedente percorso, realizzato con i medesimi partner, era infatti rivolto a diplomati e laureati, che si sono specializzati in Restauro architettonico e Bim. L'ITS Academy Restauro 4.0 è frutto di un accordo tra partner pubblici e privati: Fondazione Its Bact, Associazione dei Costruttori Edili di Napoli, Associazione Nazionale Imprese di Difesa e Tutela Ambientale, AssoVerde, il Distretto ad Alta tecnologia per le Costruzioni Stress e la società Tecno In Spa.

 
Giovedì 10 Gennaio 2019, 16:36 - Ultimo aggiornamento: 10-01-2019 19:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA