Meteo, che estate sarà? Nuova ondata di caldo in arrivo, pioggia e fresco solo una tregua

Previste temperature calde

Meteo, dopo la pioggia torna il caldo: cosa ci aspetta
Meteo, dopo la pioggia torna il caldo: cosa ci aspetta
Venerdì 8 Luglio 2022, 17:33 - Ultimo agg. 9 Luglio, 15:27
3 Minuti di Lettura

Da giovedì 7 luglio temperature a picco: i temporali in tutta la penisola hanno rinfrescato l'aria dopo settimane di caldo afoso. Ma sarà solo una breve parentesi: nel weekend torna il caldo e il sole, seppure con temperature più normali rispetto a quelle di giugno  in attesa di nuove fiammate che non tarderanno ad arrivare.

Temporale notturno, paura a Roma: forte vento, piogge e fulmini. Danni e disagi

Meteo weekend 9 e 10 luglio torna il sole

Dopo il super caldo delle ultime settimane e l'intenso break temporalesco di giovedì 7, tornerà alla ribalta l'Anticiclone delle Azzorre, sempre presente nelle estati italiane fino a 10/15 anni fa e che oggi sembra essere stato sostituito da quello Africano. sabato 9 e domenica 10 luglio saranno dunque caratterizzate da un caldo "normale", con temperature entro i 32 gradi nella media stagionale. 

Sabato sono previste condizioni meteo stabili su tutto il paese, e temperature entro la media stagionale. Caldo, ma senza eccessi né afa. A sud sui versanti adriatici e ionici temperature miti grazie a una ventilazione vivace.  

Domenica bel tempo e stabilità atmosferica in tutta la penisola, punte tra i 28 e i 32 gradi nelle principali città del centro nord. Venti al sud dove avremo venti sostenuti con raffiche di tramontana fino a 50 km/h; caldo sopportabile, infine, anche sulle due isole maggiori, dove sono attesi picchi massimi di 30°C durante le ore più calde. Qualche nube in più è attesa tra il pomeriggio e la serata sul Triveneto e sul medio basso Tirreno, ma con rischio basso o nullo di precipitazioni. 

 

Caldo estremo, potrebbe tornare? 

Il timore diffuso da nord a sud è però il ritorno di Caronte, ovvero la possibilità che un nuovo anticiclone africano possa tornare a infiammare le città italiane come avvenuto a giugno, rendendo l'aria irrespirabile e facendo schizzare in alto le colonnine dei termometri. Al momento non è possibile dire con certezza ma neanche escludere il fenomeno: come affermato dai meteorologi a inizio giugno, le ondate di caldo come quella appena passata sono altamente probabili. Già a metà luglio insomma potremmo ritrovarci sotto la morsa del caldo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA