Parma, due ragazzi disabili morti nel pulmino travolto da due treni: l'incredibile dinamica dell'incidente

Venerdì 19 Novembre 2021
Parma, due ragazzi disabili morti nel pulmino travolto da due treni: l'incredibile dinamica dell'incidente

E' morto l'altro ragazzo diciottenne rimasto gravemente ferito nell'incidente in cui ieri nel Parmense aveva perso la vita un coetaneo. Entrambi erano disabili: si trovavano a bordo del pulmino che li riportava a casa dopo le lezioni a scuola. Il mezzo era finito ieri pomeriggio sui binari della linea ferroviaria Piacenza-Bologna, poi colpito da un treno in transito. Un 18enne era morto sul colpo, l'altro era invece rimasto ferito in modo grave. Non ce l'ha fatta. Ferite ma meno gravi le altre due persone che erano a bordo: una assistente 40enne e il conducente 54enne. 

Incidente a Parma, pulmino disabili sbanda e urta un treno: morto un ragazzo, tre feriti

La procura di Parma ha intanto aperto un fascicolo di inchiesta, con il pm Ignazio Vallario, ma ancora non ci sarebbero indagati. Gli inquirenti devono ricostruire l'incredibile dinamica di quanto successo, talmente incredibile che sulle prime si era ipotizzato che il mezzo fosse precipitato sui binari da un viadotto dell'A15.. Sarà presto  interrogatol'autista 54enne e l'assistente 40enne che era con lui sul mezzo. Poi i macchinisti dei treni regionali che hanno travolto il veicolo.

 

Il primo quesito da risolvere è come mai il pulmino della cooperativa Emc2 adibito al trasporto disabili non abbia curvato mentre stava percorrendo una strada adiacente alla linea ferroviaria Milano-Bologna e abbia proseguito dritto infilandosi proprio nello stretto spazio fra due piloni in calcestruzzo e piombando sulla massicciata mentre stava sopraggiungendo un treno regionale passeggeri che ha travolto la vettura sbalzandola prima contro un altro convoglio merci che transitava sul binario opposto e poi a lato dei binari. Fosse finito contro un pilone probabilmente, grazie alle cinture di sicurezza, non vi sarebbero stati morti. E poi il micidiale tempismo con il passaggio di ben due treni. 

Da chiarire se il pulmino abbia avuto un guasto meccanico o sia stato colpito da un malore l'autista 54enne che, nell'incidente, ha comunque riportato ferite lievi ed è stato subito dimesso assieme all'assistente 40enne. La Polizia Stradale sta cercando di capire quando e in che modo sono riusciti ad uscire dal mezzo stritolato dai treni visto che i soccorritori li hanno trovati all'esterno lungo la massicciata ferroviaria.

Nel veicolo, è subito morto Nathan Vincenzo Kouli, diciottenne residente a poca distanza dal luogo della sciagura e di origini ivoriane, mentre, la scorsa notte al Maggiore, ha cessato di battere il cuore dell'altro ragazzo diciottenne Anas Maane, residente a Noceto, sempre in provincia di Parma, ma di origini senegalesi. Entrambi i ragazzi frequentavano le scuole superiori a Fidenza, centro della provincia di Parma, e stavano facendo ritorno a casa dopo la mattina di lezioni. Profondo cordoglio è stato espresso dai sindaci dei due paesi dove risiedevano i due ragazzi, Tommaso Fiazza di Fontevivo e Fabio Fecci di Noceto. «Una perdita straziante per le nostre comunità, siamo vicini ai loro genitori», hanno detto entrambi che hanno fatto visita alle famiglie residenti da lungo tempo in provincia di Parma tanto che i due ragazzi vittima dell'incidente erano nati proprio nella città emiliana.

Ultimo aggiornamento: 21:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA