Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Nell'armadio di Stella Egitto: giacche over e mood uomo, che passione

Mercoledì 27 Luglio 2022 di Veronica Timperi
L'attrice Stella Egitto in total look Forte forte (foto courtesy Matteo Lipperide)

Nel sorriso di Stella Egitto c’è tutto il sole del Mediterraneo, della sua Sicilia, la terra in cui è nata nel 1987 e che ha lasciato per inseguire il sogno di diventare attrice.

La sua determinazione l’ha portata ad entrare nell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico a Roma dove ha iniziato la sua carriera, dapprima in teatro e poi al cinema. L’abbiamo vista nella commedia Ti Stimo Fratello, nella seconda opera di Pif In guerra per amore, in Malarazza di Giovanni Virgilio e Detective per caso di G. Romano, passando per Squadra Antimafia 3, Questo Nostro Amore e in Amore della serie Il commissario Montalbano. Ultimamente è stata protagonista della serie Mediaset campione di ascolti Buongiorno mamma, del film Netflix Mio fratello, mia sorella per il quale si prevede un sequel e di Codice Karim prodotto Rai Cinema.

Che rapporto ha con la moda?

«Mi diverte molto. Sarà che ho avuto l’occasione e il piacere di indossare creazioni meravigliose di Alta Moda, oppure di andare alle sfilate ed ho toccato la magia e il lavoro che precede quei momenti e quelle creazioni, risultato di passione ed estro. Avere la possibilità di indossarle e dare loro vita ti fa sentire parte di quella famiglia, di quel lavoro di creazione che le ha precedute».

Se apre il suo armadio vede ordine o confusione?

«Caos che cerco di tenere in ordine. La colpa è del fatto che lo spazio non è mai abbastanza e quando mi innamoro di qualcosa che desidero è molto difficile che io decida di resistergli. Fortunatamente mi innamoro con moderazione».

Come definirebbe il suo stile?

«Libero, eclettico, umorale. Non sono una di quelle che programma gli outfit o acquista capi per abbinarli. Compro se mi piace, poi mixo a seconda di come mi sono svegliata quel giorno».

Cosa le piace indossare?

«Amo le giacche over e la vita alta, che siano pantaloni o gonne, i cappelli maschili e le scarpe da uomo con i lacci, ma anche gli stivali per tutti i giorni. In spiaggia solo costumi a fascia perché non mi piacciono i segni che lasciano le spalline sull’abbronzatura».

La giacca over nera, un passepartout

Qualcosa che non indosserebbe mai?

«Non amo per niente ballerine e infradito».

Le scarpe stringate, un must: qui in versione borchiate

Nel suo guardaroba ha un capo portafortuna che magari usa ai casting?

«Non uno soltanto. Se supero la prima fase di casting con un look, per quelle successive indosso sempre lo stesso look. Scaramanzia. Scelgo sempre con grande attenzione gli outfit per i provini, mi diverte, fa parte del mio lavoro di immaginazione sul personaggio che andrò ad interpretare».

C’è un abito che la fa sentire particolarmente bella ed usa nelle giornate no?

«Se la giornata è particolarmente “no” indosso qualcosa di comodo e chiaro e provo con lo yoga Kundalini che pratico regolarmente a trasformarla quantomeno in una giornata “ni”».

Guardando le foto del passato, le è sempre piaciuto il suo modo di vestire?

«Assolutamente no. Sono figlia degli anni ‘90 e ancora oggi mi chiedo come abbia potuto indossare jeans a vita bassa e le zeppe. Oggi non metterei queste robe per nessuna ragione al mondo, a meno che non siano esigenze di copione».

I gioielli vintage una passione

“Ruba” mai dagli armadi altrui?

«Certo, lo faccio spesso. Da mia mamma ho ereditato un abito stupendo color prugna con le spalline anni 70. Lo presi per uno spettacolo teatrale, ma ammetto di averlo usato anche in qualche occasione ufficiale privata. Idem le t shirt del mio compagno, spesso perfette per dormire».

L'abito a fiori regalo della mamma

Quanto è sostenibile il suo approccio alla moda?

«Non compro tanto per comprare e credo nel concetto di economia circolare. Amo acquistare anche capi di seconda mano o vintage e quello che non indosso più ho sempre cura che vada a chi potrebbe averne di bisogno». Quale sarà il suo prossimo acquisto fashion? «Un anello da cocktail anni ‘70».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 28 Luglio, 08:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA