India, quasi 5 milioni di morti per la pandemia: «10 volte i dati ufficiali». Lo studio choc dell'Università di Harvard

Martedì 20 Luglio 2021
India, pandemia ha già causato quasi 5 milioni di morti: lo rivela uno studio dell'Università di Harvard

Cifre sottostimate in India rispetto al numero di decessi legati alla pandemia Covid-19. Secondo un ampio studio medico scientifico condotto dall'Università di Harvard e pubblicato oggi Il numero delle vittime  potrebbe essere 10 volte superiore ai dati ufficiali. La ricerca stima che i morti non segnalati da gennaio 2020 a giugno del 2021 siano dai 3 ai 4,7 milioni, un numero altamente superiore ai 414mila forniti finora dal governo. Le risultanze di questo studio confermebbero gli effetti di quella che si può considerare come la più terribile tragedia nella storia dell' India moderna.

«Le vittime ammontano probabilmente a vari milioni e non alle centinaia di migliaia contenuti nei rapporti dei vari Stati», scrivono gli scienziati nello studio condotto da Arvind Subramanian, ex capo consigliere economico dell'India e da altri due ricercatori del Center for Global Development di Harvard. L'analisi incrocia diversi elementi, dai decessi non contati negli ospedali e nei centri di cure primarie, in particolare durante il devastante picco della scorsa primavera. Ma sono messi a fattore anche i dati demografici e le aspettative di vita, ma anche l'incidenza del virus rispetto ai tassi di positività riscontrati in sette grandi Stati che rappresentano la metà della popolazione indiana.

Grecia, allerta viaggi. Farnesina a 400 ragazzi: «Rischio sanitario, fate assicurazione privata»

La stima della ricerca

Il rapporto ha anche stimato che quasi due milioni di indiani sono morti durante la prima ondata della pandemia lo scorso anno e ha affermato che il non «aver compreso la portata della tragedia in tempo reale» potrebbe aver «generato un rilassamento collettivo che ha portato agli orrori» dell'ondata esplosa all'inizio di quest'anno. Negli ultimi mesi, alcuni stati indiani hanno aumentato il bilancio delle vittime di Covid dopo aver trovato migliaia di casi non segnalati, sollevando preoccupazioni sul fatto che molti altri decessi non siano stati registrati.

La cifra dei 4,7 milioni di morti ipotizzati nella ricerca è considerevolmente più elevata anche delle stime degli epidemiologi che credevano che i morti in eccesso in India fossero da cinque a sette volte più alti, invece che dieci volte come stimato dalla ricerca americaa. Secondo l'ex capo consigliere economico Subramanian, lo studio mostra che nell'era della pandemia, «l'India non è stata un'eccezione» rispetto agli altri Paesi e ha avuto «una mortalità non dissimile da Stati di dimensioni e infezioni comparabili».

Svizzera, via le restrizioni: tutti in discoteca (senza mascherine)

La posizione del governo

Il governo indiano ha respinto i risultati della ricerca definendoli «esagerati e fuorvianti» e ha contestato l'ipotesi che i calcoli ufficiali siano sottostimati. La settimana scorsa, però, nell'ampia operazione di rimpasto del proprio governo, il presidente Nadrenda Modi ha sostituito anche il ministro della Salute.

Variante Delta, Gran Bretagna: 96 morti in 24 ore. Francia, 18mila nuovi casi: +150% in 7 giorni

Ultimo aggiornamento: 19:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA