Omicidio a Melito, uomo ucciso tra la folla al ristorante: è affiliato agli scissionisti di Secondigliano

Agguato a ora di pranzo: Vincenzo Nappi freddato a tavola, Sos del sindaco

Omicidio a Melito, uomo ucciso tra la folla al ristorante
Omicidio a Melito, uomo ucciso tra la folla al ristorante
Lunedì 23 Gennaio 2023, 14:06 - Ultimo agg. 23:09
4 Minuti di Lettura

Ucciso a 57 anni da colpi d'arma da fuoco in un ristorante nel Napoletano. Secondo una prima ricostruzione sarebbe stato ammazzato da due i killer armati di pistole di diverso calibro, aiutati da un complice rimasto all'esterno del locale: nel mirino Vincenzo Nappi, ritenuto dai carabinieri e dalla Direzione distrettuale antimafia il capozona a Melito del clan Amato Pagano. A intervenire i carabinieri della compagnia di Marano, giunti sul posto poco prima delle 14 nella trattoria in via Lavinaio, nel comune di Melito.

L'uomo è stato assassinato mentre pranzava nel ristorante Gaetano e Teresa, dove gli altri pochi clienti, sentiti gli spari, presenti si sono buttati a terra in cerca di riparo. La vittima non ha avuto scampo: frequentava raramente quel posto. A parte questo finora nessuno, neppure i titolari, sarebbe stato in grado di fornire informazioni utili ai militari nell'inchiesta.

Nappi era una persona nota alle forze dell'ordine e alla magistratura: risultava essere disoccupato; da una prima compagna aveva avuto due figli ed era in attesa di un altro figlio da una seconda compagna. Aveva precedenti per associazione, è stato in carcere fino all'agosto 2020. Inoltre, era stato sottoposto alla sorveglianza speciale fino all'ottobre sempre del 2020.

Soprannominato «'o pittore», il 57enne era dunque ritenuto dagli inquirenti legato al clan Amato-Pagano, gli scissionisti di Secondigliano da tempo egemoni tra i palazzoni del comune alla periferia nord di Napoli. 

 

Considerato uno dei vertici degli scissionisti, una volta facente parte del clan Di Lauro di Secondigliano. Ad arrestarlo, nel 2011, a Mugnano, furono i carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Giugliano in Campania: era ricercato da tre mesi in quanto sfuggito a un blitz che assicurò alla giustizia otto persone, tutte legate allo stesso clan, a cui la Dda contestava, a vario titolo, i reati di associazione per delinquere di tipo mafioso, traffico e spaccio di stupefacenti ed estorsioni. 

Video

«Mi preme ringraziare le forze dell'ordine operanti a Melito, che fanno un gran lavoro, ma spesso risultano numericamente insufficienti per fronteggiare la criminalità», ha fatto sapere il sindaco Luciano Mottola, che in una nota ha aggiunto: ci sono «padri e madri di famiglia che chiedono solo di poter far crescere i propri figli in una città sicura. È proprio per loro che bisogna moltiplicare le forze e far trionfare l'unica legge che conosciamo, quella dello Stato». Mottola ha ricordato quanto accaduto a settembre scorso, con l'omicidio di un docente, nel cortile di una scuola.  Dove lo scorso 27 settembre fu ucciso il professore Marcello Toscano dal bidello Giuseppe Porcelli, 54 anni, reo confesso.

«A pochi mesi di distanza dall'ultima volta, Melito precipita nel terrore - ha sottolineato il primo cittadino - per un omicidio messo a segno in pieno giorno che fa tornare alla mente quanto accaduto lo scorso mese di settembre. In quel caso il cortile di una scuola, in questo la sala di una trattoria: in quel caso luoghi abitualmente frequentati da studenti, in questo luoghi frequentati da famiglie. Fatti di sangue che nulla hanno in comune, ma che ancora una volta hanno messo a nudo la vulnerabilità della nostra Melito, dove un omicidio può avvenire anche in posti ed in orari considerati impensabili».

© RIPRODUZIONE RISERVATA