Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Anziano morì in ambulanza, il pm chiede l'archiviazione

Giovedì 12 Maggio 2022 di Dario Sautto
Anziano morì in ambulanza, il pm chiede l'archiviazione

«Restano diversi lati oscuri su cui non è stata fatta luce. Ci sono voluti otto mesi per richiedere una archiviazione del caso senza ulteriori approfondimenti di indagine. È una mancanza di rispetto verso chi ha perso la vita e verso i suoi familiari». Aniello Vicedomini, 68 anni, di Casola di Napoli, è morto lo scorso 30 luglio all'ospedale Cardarelli, dopo un trasporto in ambulanza dal San Leonardo di Castellammare di Stabia. Su quel caso, la Procura di Napoli pm Stella Castaldo aveva aperto un'inchiesta, per la quale adesso ha chiesto l'archiviazione. Decisione rispetto alla quale la famiglia Vicedomini ha presentato opposizione, tramite l'avvocato Pasquale Striano, con l'udienza fissata a giugno.

Napoli, automobilista muore stroncato da malore a piazza Garibaldi il giorno di Pasqua

Vicedomini, affetto da fibrosi polmonare e insufficienza renale, è deceduto in pochi minuti, mentre il personale sanitario trasferiva il paziente dal triage del Cardarelli al padiglione della Pneumologia dove era giunto con un'ambulanza. Secondo i familiari tesi confermata dall'inchiesta interna all'azienda sanitaria il paziente «non era in condizioni critiche» e «durante il tragitto non ha manifestato problemi e non necessitava di ventilazione forzata ma solo di somministrazione di ossigeno». «Aveva solo fame di ossigeno e forse la bombola non era funzionante» attaccano i familiari. In ospedale era presente anche il nipote, Michele Inserra, che con i cugini sta portando avanti la battaglia per conoscere la verità sulla morte di Aniello Vicedomini. «Se durante il tragitto verso il Cardarelli il paziente non era in condizioni critiche, allora cosa è accaduto durante il trasporto dal triage del Cardarelli al reparto di pneumologia? È chiaro a questo punto spiegano i familiari del 68enne che il paziente viene portato al Cardarelli non certo perché i parametri vitali rilevati avevano reso necessario il trasferimento, come riporta il pm nella richiesta di archiviazione, ma semplicemente perché lì c'è un reparto che si occupa della fibrosi e dove era già in cura».

Dall'autopsia non emergerebbero complicazioni e, secondo i familiari, mancano agli atti di riscontri a diversi elementi forniti dai testimoni: la bombola d'ossigeno che «alimentava» Vicedomini è stata sequestrata dalla polizia ma non è stata sottoposta a perizia sul buon funzionamento e sulla presenza di ossigeno. Inoltre, non sono state acquisite le immagini delle telecamere di videosorveglianza del Cardarelli «dalle quali si sarebbe potuto avere un quadro più chiaro» secondo i familiari. Una serie di motivazioni per le quali la famiglia Vicedomini chiede «ulteriori approfondimenti di indagine», richiesta sulla quale il gip del tribunale di Napoli dovrà decidere il prossimo 23 giugno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA