Napoli, al collasso il pronto soccorso dell'Ospedale del Mare: pazienti Covid «isolati» con le tendine

Martedì 27 Ottobre 2020 di Melina Chiapparino

Pronto soccorso in tilt per il sovraffollamento dei pazienti Covid che, oramai, raggiungono cifre da record. Succede ogni giorno all’ospedale del Mare, dove il numero di casi sospetti e accertati di Sars-Cov2 è talmente sproporzionato rispetto agli spazi disponibili che i sanitari sono costretti a sistemare gli ammalati fuori dalle aree a loro dedicate. La situazione è al limite del collasso, praticamente, una bomba pronta a esplodere. Prima di questa nuova ondata di contagi, infatti, il pronto soccorso di Ponticelli si era adeguato all’esigenza di isolare i potenziali pazienti colpiti dal virus, utilizzando l’area del codice verde e l’osservazione breve, così da guadagnare 10 posti letto per i casi sospetti o accertati di Covid. Numeri che non bastano più, a fronte dell’aumento dei contagiati. 

 

Lo spazio non basta e nel pronto soccorso dell’ospedale del Mare, i pazienti a rischio Covid vengono isolati nelle aree del codice rosso, che inevitabilmente risultano interdette ma anche sistemati lungo i corridoi e persino in una delle due stanze del Triage, dove i sanitari filtrano gli accessi, come è accaduto ieri sera. In alcuni casi, non essendoci un numero sufficiente di prese per i gas medicali, si utilizzano le bombole di ossigeno che vengono sistemate accanto alle lettighe mobili, per garantire l’assistenza respiratoria. Ultimamente, anche l’area gialla che era utilizzata per la degenza “pulita” è stata convertita per accogliere i casi Covid. Quando non c’è possibilità di isolare i pazienti, vengono utilizzati paraventi e tendine per suddividere i degenti ordinari dai contagiati. Non c’è da stupirsi quindi, alla vista di foglietti di carta, fissati sulle tendine dei box o sulle pareti sui quali si legge “sospetto Covid”. Un altro rimedio “fai da te” del personale ospedaliero.

Ogni giorno il pronto soccorso di Ponticelli, esplode comportando anche la sospensione di alcune attività, come quella dei codici rossi che vengono occupati per l’isolamento dei pazienti Covid. Anche ieri, entrambe le aree di massima emergenza sono state utilizzate per l’assistenza di due pazienti positivi, aiutati con ventilazione assistita. Nei locali dell’ex codice verde e dell’Osservazione breve, oramai dedicati ai casi sospetti o accertati Covid, erano presenti 23 pazienti di cui 11 con positività accertata mentre nell’area del codice giallo che si compone di 8 box nati per accogliere un singolo paziente, c’erano 23 degenti tra cui 5 contagiati. Infine anche una delle stanze dedicate al Triage, è stata utilizzata per isolare un ammalato mentre altri 4 degenti sono stati sistemati lungo i corridoi. In pratica, il sovraffollamenti da casi Covid sta mandando in tilt il pronto soccorso nonostante questo sia stato strutturato con due ingressi distinti e il pre triage che differenzia i casi sospetti dal resto dell’utenza oltre alla massiccia azione diagnostica con test capillari all’accesso e tamponi rapidi e molecolari. 

Video


Il caos non è solo all’interno del pronto soccorso ma sta accadendo sempre più frequentemente che le persone in attesa del tampone da parte dell’Asl Napoli 1 che sta registrando forti ritardi nei test domiciliari, si presentino autonomamente in ospedale pretendendo il tampone. Una pratica illecita che sabato scorso, è sfociata in aggressione quando i cittadini hanno preso a calci e pugni le porte del Triage. La direzione sanitaria dell’ospedale del Mare assicura un’accelerata sui trasferimenti cominciata già da ieri sera. «Sono stati trasferiti otto pazienti nel reparto di Terapia Intensiva del Covid center dell’ospedale del Mare, ora pieno, due pazienti al Covid Residence e uno è potuto tornare a casa per l’assistenza domiciliare - riferiscono i vertici ospedalieri - da una settimana il Day Surgery è stato convertito in reparto Covid con 39 posti letto di cui al momento ne sono occupati 34».
 

Ultimo aggiornamento: 28 Ottobre, 07:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA