Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid, la preoccupazione di De Luca: «Aspettiamo nuova ondata a fine luglio»

Venerdì 24 Giugno 2022
Covid, la preoccupazione di De Luca: «Aspettiamo nuova ondata a fine luglio»

«L'aumento dei casi di Covid è assolutamente preoccupante, dobbiamo tenere gli occhi aperti. Se i numeri sono quelli di oggi, dobbiamo aspettarci una nuova ondata». Così il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, interpellato sull'aumento dei casi Covid in Campania e in tutta Italia.

«Nel 2021 a metà giugno avevamo 121 positivi, ieri erano 5.600 - ha ricordato De Luca - è vero che non abbiamo gravità o patologie particolari, ma è vero anche che per ragioni statistiche, quando i numeri sono migliaia, non puoi evitare di avere anche casi gravi in terapia intensiva. Abbiamo solo un elemento positivo, che a settembre probabilmente avremo anche un nuovo vaccino molto più resistente anche alle nuove varianti». 

De Luca ha ribadito che «bisogna tenere gli occhi aperti ed essere prudenti, perché i numeri ci obbligano ad essere prudenti. In pratica in Italia abbiamo avuto un rompete le righe, in Europa non ne parliamo, quest'estate avremo il rimescolamento sociale. È evidente che a settembre, ma i nostri epidemiologi ci dicono probabilmente già a fine luglio, rischiamo di avere una nuova ondata preoccupante. Sappiamo che non possiamo chiuderci in casa, che la gente è stressata, che dobbiamo tornare alla vita, però dobbiamo essere estremamente prudenti altrimenti avremo problemi davvero seri».

Video

«Credo che si debba fare appello ai nostri concittadini che non si sono vaccinati. Per chi ha fatto la seconda o la terza dose magari si abbassa la soglia di protezione, ma comunque rimane una barriera. Il problema sono i fragili e i nostri concittadini che non si sono vaccinati. Parliamo di milioni di italiani, ai quali mi permetto di rivolgere un appello perché facciano la vaccinazione. Con questi numeri, chi non è vaccinato dopo l'estate corre rischi seri per la propria salute e quella dei propri cari» ha poi detto il governatore nella sua consueta diretta Facebook del venerdì. «È chiaro che non possiamo ingessare l'Italia e il mondo, anche perché nel resto d'Europa ormai ognuno fa quello che vuole. Però invito ad essere prudenti sempre: cerchiamo di vivere, dobbiamo avere relazioni sociali, ma nei luoghi a rischio indossiamo la mascherina», ha aggiunto De Luca.

Ultimo aggiornamento: 15:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA