D'Onofrio, la Procura di Roma
archivia procedimento per corruzione

Mercoledì 14 Ottobre 2020

Il gip di Roma ha archiviato il procedimento penale per corruzione e concussione dei pm napoletani Cimmarotta e Woodcock, poi passato per competenza ai colleghi romani, nei confronti del procuratore aggiunto di Avellino Vincenzo D'Onofrio (difeso dall'avvocato Mario Terracciano), magistrato che ha anche dato il suo contributo alla lotta alla camorra nella Dda di Napoli. Il giudice ha in sostanza accolto la richiesta del pm che ha ereditato l'indagine e che aveva sottoposto il procuratore aggiunto di Avellino a un fitto interrogatorio durante il quale D'Onofrio aveva fornito tutti i chiarimenti sulla vicenda.

La stessa inchiesta ha coinvolto anche un altro magistrato napoletano, Andrea Nocera, che presentò le dimissioni, proprio a causa di questo procedimento, dall'incarico di capo degli ispettori del ministero della Giustizia. L'attività investigativa vide coinvolti anche l'ex senatore Salvatore Lauro (armatore dell'Alilauro) e l'armatore Salvatore Di Leva.

A far scattare l'indagine furono proprio le conversazioni intercettate attraverso un captatore informatico installato sul cellulare di quest'ultimo. Il magistrato venne accusato di avere usato la sua posizione per ottenere biglietti gratis per una partita del Napoli a Torino con la Juventus, disputata il 19 settembre 2018, e la riparazione, sempre gratis, di una barca non di sua proprietà utilizzata per delle gite nel Golfo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA