Funicolari di Napoli, raggiunto accordo su orari e compensi

Intesa raggiunta per le funicolari di Napoli. Anm e sindacati Cgil, Cisl e Uil, hanno siglato un accordo quadro che abbraccia tutti i settori del trasporto pubblico cittadino. Mentre il Tribunale fallimentare ha ammesso il concordato preventivo proprio per Anm, salva, di conseguenza, dal fallimento. Trova così un esito positivo la vicenda delle funicolari di Napoli, che avevano subito uno stop per tre giorni consecutivi, nell'ultimo periodo di novembre, perché i capiservizio di turno dichiaravano di essere in malattia a due ore dall'inizio del proprio orario di lavoro. Le proteste erano scoppiate in seguito alla pubblicazione del prolungamento, nel week end, degli orari per la sola funicolare centrale. I dipendenti delle funicolari sono, nello specifico, 15 tra capiservizio e capi impianto, il cui livello retribuito viene calcolato in base a parametri che vanno da 100 a 250.

In 13 hanno un livello pari a 193, ma svolgono mansioni di livello 205, quello dei restanti due lavoratori. Il costo annuale lordo per questi adeguamenti è pari a 15mila euro. «Sono state accolte le nostre richieste - fa sapere Antonio Aiello di Uil Trasporti Campania - con le funicolari si parte in fretta, forse già dal prossimo weekend, per la Linea 1 della metro dovremo attendere degli adeguamenti, ma siamo a buon punto». L'accordo siglato oggi prevede la riorganizzazione in senso generale del settore funicolari; l'esigibilità dell'accordo del 30 ottobre 2015 e la sua applicazione; la struttura organizzativa della linea uno da rendere funzionale in riferimento allo stesso accordo; organizzazione del personale di macchina delle linee metropolitane; la predisposizione della selezione per le figure professionali di addetti all'esercizio; riorganizzazione della struttura dell'area sosta; organizzazione del lavoro per officina manutenzione rotabile impianti fissi relativa struttura tecnico organizzativa.
Mercoledì 12 Dicembre 2018, 13:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-12-12 18:20:26
Manco fossero piloti di aerei......ma che professionalità ci voglia a premere bottoni di macchine che vanno quasi da sole? Piuttosto prima di aumenti, risarcire l'utenza tutta.
2018-12-12 16:48:40
Mi sembra il giusto premio alla professionalità di quegli onesti lavoratori che, per giorni e giorni hanno creato il caos nei trasporti lasciando a piedi migliaia di napoletani, adducendo motivazioni pretestuose o, peggio ancora, simulando un'infermità molto sospetta. Complimenti, il ricatto assurto a lotta sindacale per beneficiare di aumenti di stipendio.

QUICKMAP