Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pride Napoli e diritti LGBTQIA+, la storia di Luigi e Ciro

Giovedì 30 Giugno 2022 di Anna Menale
Luigi e Ciro

«Say it clear, say it loud. Gay is good, gay is proud», furono le parole utilizzate dai manifestanti del Pride tenutosi a New York nel 1969 a seguito delle aggressioni subite da poliziotti della città in un club. Da quel momento i diritti della comunità LGBTQIA+ sono stati rivendicati celebrando una manifestazione che continua ad evolversi senza mai distaccarsi dalle sue profonde radici. 

Che cos’è il Pride per chi lo vive? Che cosa significa far parte della comunità LGBTQIA+ di Napoli? Cosa dovrebbero comprendere davvero le persone? 

Il racconto prosegue. A questo domande oggi rispondono in una videointervista Luigi e Ciro (35 e 20 anni), la cui storia comincia da uno scambio di messaggi sui social.

Video

Ultimo aggiornamento: 2 Luglio, 11:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA