Camaldoli a fuoco, elicotteri prelevano acqua dai laghi degli Astroni. Piove cenere, aria irrespirabile

Venerdì 9 Agosto 2019 di Oscar De Simone
Camaldoli a fuoco, elicotteri prelevano acqua dai laghi degli Astroni. Piove cenere, aria irrespirabile

La collina dei Camaldoli e quella di Agnano continuano a bruciare e la città viene sommersa dalla cenere.  Un primo rogo si è sviluppato intorno alla superficie già colpita dall'incendio di ieri sul versante di Pianura del costone dei Camaldoli. L'altro nell'area del parco delle Terme di Agnano.
 


In entrambi i casi i quartieri limitrofi sono stati invasi dalla polvere e l'aria è irrespirabile. Questo ad esempio, è il caso della zona alta del Vomero dove i cittadini stanno spazzando via dai propri balconi, il pulviscolo portato dal vento. 

L'incendio interessa anche l'area collinare della Montagna Spaccata. Le fiamme, che stanno distruggendo vegetazione del tipo macchia mediterranea, stanno lambendo i quartieri di località San Martino e Pisani tra Pozzuoli e Napoli ed il quartiere di Pianura. Impegnati nello spegnimento dei focolai alcune squadre di vigili del Fuoco via terra oltre a due elicotteri, un aereo ed una squadra dell'antincendio della Regione Campania. Per velocizzare le operazioni e ridurre il fronte delle fiamme gli elicotteri si stanno rifornendo di acqua dai laghetti dell'oasi degli Astroni a poche centinaia di metri dalla zona dei roghi.


 

Ultimo aggiornamento: 22:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA