Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Killer impuniti, svolta videocontrollo a Napoli: fondi a Fuorigrotta, Stella e Napoli est

Venerdì 4 Febbraio 2022 di Leandro Del Gaudio
Killer impuniti, svolta videocontrollo a Napoli: fondi a Fuorigrotta, Stella e Napoli est

Trecentomila euro per Napoli e area metropolitana; più altri 150mila euro che potrebbero arrivare a stretto giro, oltre a una consulenza tecnica ministeriale per la manutenzione di sistemi esistenti ma non funzionanti. Eccola la svolta videosorveglianza, alla luce di progetti esistenti (finanziati e da cantierare) e di progetti che potrebbero decollare a stretto giro. Se ne è parlato ieri in sede di comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza, al termine del confronto tra il prefetto Claudio Palomba, il sindaco Gaetano Manfredi e l’assessore regionale Mario Morcone.

Partiamo dal responsabile alla sicurezza di Palazzo Santa Lucia: «Abbiamo concordato con il sindaco della necessità di accelerare sulla realizzazione di alcuni impianti di videosorveglianza previsti nella città di Napoli. Già sono state fornite alle municipalità le prime risorse - ha aggiunto Morcone - per la realizzazione definitiva. Quindi parlo di Fuorigrotta, Bagnoli, Stella-San Carlo all’Arena, Ponticelli, Barra e San Giovanni a Teduccio». In sintesi, il Comitato ha ragionato su tre punti strategici sotto il profilo logistico, anche alla luce dei recenti fatti di cronaca: più videosorveglianza a Fuorigrotta (teatro di una guerra tra clan che si è consumata anche in pieno giorno); nell’area est (dove esistono decine di clan che si contendono fino all’ultimo angolo utile per lo smercio di droga); e Stella San Carlo all’Arena, di recente interessata da raid camorristi e crimini predatori.

Ma torniamo ai finanziamenti e ai progetti da realizzare. È il nodo principale, quello della programmazione e della definizione di piani realizzabili sotto il profilo tecnico. Nei prossimi giorni, saranno convocati in Prefettura i presidenti delle tre aree municipali - che sono tre macroaree - per fare il punto dei progetti esistenti e della loro realizzabilità. Spiegano ai piani alti di Palazzo di Governo: troppe volte sono state sprecate risorse di fronte all’incapacità di realizzare programmi messi in campo. Non possiamo permetterci altri flop. Ed è in questo scenario che si rafforza l’asse tra Napoli e Roma. Spiega ancora l’assessore regionale alla Legalità Morcone: «A tutto questo va naturalmente aggiunto tutto quello che riusciremo ad ottenere dal ministero dell’Interno, nella programmazione che sta per partire. Il tema è anche quello di creare una rete - ha concluso - per la costante manutenzione di questi impianti». Torna dunque il concetto di rete, di network, in una città che fa fatica a diventare smart, a rimanere connessa con gli standard della tecnologia e le esigenze di sicurezza. È uno dei punti decisivi nella sfida al crimine organizzato e alle bande che imperversano tra vicoli del centro e arterie dell’area metropolitana, come è emerso anche nel corso del recente vertice dinanzi al ministro Luciana Lamorgese. Ma ieri mattina in Prefettura si è parlato anche di altri punti di una sorta di piano che punta a traghettare la città verso scenari meno problematici. 

È il caso della dispersione scolastica, del disagio giovanile, dell’abbandono dei banchi da parte di minori, troppe volte destinati a diventare protagonisti di episodi di violenza. Come se ne esce? Come anticipato dal Mattino, si punta ad armonizzare e coordinare le informazioni legate ai casi di abbandono dei banchi. Ogni mese arriverà un report in Prefettura, con i dati aggiornati. Non è un caso che ieri mattina, nella sede di Palazzo di governo, era presente anche la procuratrice minorile Maria De Luzenberger, da sempre impegnata nell’azione di prevenzione, a stretto contatto con le altre istituzioni cittadine. Videocontrollo, tecnici ministeriali per accendere un faro sull’intera area metropolitana, dispersione scolastica. Si tratta di punti cruciali che, al di là dei confronti in corso, attendono risposte concrete sul territorio. 

Ultimo aggiornamento: 5 Febbraio, 18:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA