Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Leonardo lascia Giugliano e si trasferisce al Fusaro: spostati a Bacoli 430 dipendenti

Sabato 23 Luglio 2022 di Maria Rosaria Ferrara
Leonardo lascia Giugliano e si trasferisce al Fusaro: spostati a Bacoli 430 dipendenti

È ufficiale: la Leonardo lascia la città di Giugliano. L'azienda, attiva nei settori della difesa e dell'aerospazio a partecipazione statale, chiude il sito della zona Asi di Ponte Riccio per trasferirsi al Fusaro, a Bacoli, dove è già presente uno stabilimento che verrà dunque ingrandito, inglobando anche il personale di Giugliano. A nulla sono valse le proteste di dipendenti e sindacati che hanno tentato ogni via possibile pur di evitare la cessazione delle attività nel sito giuglianese. Proteste forti, che arrivarono al Consiglio regionale. Ma ormai il dado è tratto. Firmato l'accordo tra la direzione aziendale e sindacati che prevede, tra l'altro, un rimborso per i dipendenti per i chilometri di distanza fra i siti di provenienza e di destinazione per 24 mesi. Un indennizzo di 20 centesimi per chilometro di distanza o 27 centesimi se la differenza tra la distanza dal domicilio al nuovo sito e la distanza tra domicilio e vecchio sito sia maggiore o uguale a 8 chilometri. Il piano industriale di Leonardo, che non interessa solo Giugliano ma tante altre realtà, mira «a sostenere e massimizzare i benefici derivanti dalle concentrazioni di attività» si legge nell'accordo che prevede, tra l'altro, «alcun esubero di personale: il saldo occupazionale sarà in misura superiore alla somma delle risorse presenti e di quelle confluite per effetto delle incorporazioni tra siti». Insomma Leonardo continua ad assicurare che non ci saranno licenziamenti ma le remore dei lavoratori erano anche per tutte le aziende dell'indotto esterno. 

Video

Nella zona Asi di Ponte Riccio lavorano 430 dipendenti che dai prossimi mesi andranno dunque a lavorare a Bacoli. Il primo cittadino Nicola Pirozzi aveva definito la scelta scellerata. Il piano industriale era stato anche oggetto di un'interrogazione in consiglio regionale. Tutte azioni che non hanno smosso i vertici della società. Nell'accordo c'è poi scritto che «l'azienda valuterà situazioni individuali di particolare disagio considerando la possibilità di impieghi alternativi rispetto alle attuali mansioni». Si conferma inoltre che il sito del Fusaro «sarà un polo di eccellenza» e che «saranno investiti 19 milioni di euro e saranno mantenute nel sito di Bacoli tutte le attività precedentemente allocate a Giugliano». La zona Asi perde così la sua realtà produttiva più importante. L'area industriale di Ponte Riccio sta divenendo ormai sempre più concentramento di impianti di trattamento rifiuti. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA