Napoli, la galleria invasa dai clochard:
fin dal mattino il degrado per i turisti

Giovedì 12 Dicembre 2019

A Milano non accadrà mai, nella galleria Vittorio Emanuele, proprio accanto al Duomo. Tuttavia, ciò che in Lombardia è vietato a Napoli è normalità. Così la galleria Umberto, nella via Toledo dello shopping, tra il teatro San Carlo e piazza Plebiscito, è diventata la casa a cielo aperto dei clochard.

LEGGI ANCHE Napoli, per Natale torna «Rubacchio»: l'albero in Galleria rubato ogni anno

L'assalto non è soltanto di notte. I senzatetto hanno eletto la galleria senza regole come luogo preferito per passare la giornata. E fin dalle prime ore del mattino si vedono distese di materassi, cartoni, ricoveri di fortuna, con inevitabile contorno di cattivi odori di chi sbriga i propri bisogni poco lontano. Quando non sono avvolti in coperte, tra i giornali, diventano una massa dolorosa che chiede l'elemosina.

LEGGI ANCHE Napoli sott'acqua e la Galleria Umberto diventa il regno degli ambulanti

Il Comune, ovviamente assente. I servizi sociali, neanche a immaginarli. La polizia municipale, fa finta di non guardare e non sapere. Nessuno se ne cura, nessuno se ne importa. Per dare una mano agli sventurati ma anche per liberare uno dei monumenti più belli di Napoli. Così, nel disinteresse caratteristico del modo di amministrare di Palazzo San Giacomo, ognuno fa quello che vuole. E i turisti, oltre che i napoletani, ricevono l'immagine peggiore della città.

© RIPRODUZIONE RISERVATA