Napoli, il giuramento della Nunziatella dedicato ai cinque militari feriti in Iraq

Sabato 16 Novembre 2019

Ottantotto allievi, di cui 25 donne, della scuola militare Nunziatella hanno prestato il giuramento in piazza Plebiscito a Napoli. I ragazzi che nei locali del Rosso Maniero di Pizzofalcone frequenteranno gli ultimi tre anni della scuola media superiore hanno pronunciato la formula di rito alla presenza del Capo di Stato maggiore dell'Esercito, generale Salvatore Farina, e del sottosegretario alla Difesa, Angelo Tofalo.

LEGGI ANCHE Esercito, ecco il piano Grande Nunziatella: investimenti per un miliardo

Schierati con i ragazzi del 232mo corso anche alcune formazioni di ex allievi, oggi ufficiali delle forze armate o affermati professionisti. Ragazzi che, come ha detto il sottosegretario Tofalo, si preparano «ad essere cittadini più consapevoli». Nel corso del suo intervento il generale Farina ha ringraziato tra gli altri i genitori degli allievi che hanno affidato i loro figli alla forza armata e ha espresso parole di incoraggiamento ai ragazzi che dovranno affrontare un triennio di particolare impegno. L'alto ufficiale poi, citandoli per nome, ha espresso parole di sostegno e ringraziamento a cinque militari feriti in Iraq.
 


All'evento hanno preso parte autorità civili, religiose e militari tra cui il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, il prefetto Carmela Pagano, il generale Rolando Mosca Moschini e la Medaglia d'Oro al Valor Militare, generale di corpo d'armata dei carabinieri Rosario Aiosa, ex allievo della scuola e padrino del 232esimo corso. Hanno fatto da cornice numerosi labari delle associazioni combattentistiche e d'arma, i Gonfaloni della città metropolitana di Napoli e della Regione Campania e gli ex allievi. Momento saliente della cerimonia è stata la simbolica consegna dello spadino ad un allievo del primo anno da parte di un allievo del terzo anno.
 
 

Ultimo aggiornamento: 19:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA