Esposito dona un'opera alla Federico II per la giornata dedicata alle cure materne

Giovedì 16 Settembre 2021 di Emma Onorato
Lello Esposito alla Federico II

Alla vigilia della giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita - che quest’anno sarà dedicata al tema delle cure materne e neonatali sicure - l’azienda ospedaliera della Federico II di Napoli apre le sue porte all’artista Lello Esposito. Un’artista che - in tale occasione - ha scelto di donare alla struttura ospedaliera una sua creazione: Ab Ovo- maternità. Un’opera che richiama al tema della vita racchiusa nel grembo delle donne in dolce attesa: «L'uovo è uno dei simboli che in questi anni mi ha da sempre accompagnato nel mio percorso artistico. È la forma della nascita: un simbolo che rappresenta la maternità, e questa mi sembra l'occasione giusta per donare Ab Ovo - maternità, all'azienda ospedaliera della Federico II». Una splendida scultura in alluminio che, con estrema delicatezza, conduce l'attenzione al significato simbolico che rappresenta l'uovo: un richiamo alle origini, a una nuova nascita.  

La Federico II ha da sempre riposto grande attenzione sul tema delle cure materne, così durante la cerimonia di oggi - avvenuta all’interno dell’edificio 9 di Ostetricia e Ginecologia - la direttrice della Federico II, Anna Iervolino, richiama l'attenzione sulla giornata di domani (dedicata alla sicurezza delle cure e della persona assistita) e sottolinea l'importanza delle cure materne e neonatali soffermandosi - in modo particolare -  sul momento del parto e la nascita: «È un momento estremamente delicato, è un momento fisiologico che necessita delle dovute attenzioni clinico assistenziali. Oggi siamo qui ad evidenziare l'importanza di questa giornata con la scultura del maestro, ma ci tengo a ricordare il messaggio della giornata rivolto alle donne e più in generale alle famiglie: bisogna prendersi cura di sé, dei nascituri e della famiglia».

Video

La direttrice conclude ribadendo l'importanza di aderire alla campagna vaccinale, invitando anche le donne gravide a fare il vaccino: «Un modo per vivere pienamente il momento della maternità e della nascita». Così Giuseppe Bifulco, direttore del dipartimento materno-infantile, ricorda l'open-day organizzato dalla Federico II - che si svolgerà durante la giornata di domani al primo piano dell'edificio 15 - dedicato alla vaccinazione delle donne in gravidanza: «Le nostre donne non devono aver paura della vaccinazione perché il vaccino protegge loro e i loro bambini». E ricordando i recenti dati sulla mortalità materna aggiunge: «Dobbiamo assolutamente evitare che si ripetano queste situazione, bisogna garantire alle nostre donne di portare a termine le loro gravidanze senza la necessità dell'espletamento di un parto estremamente prematuro a causa delle criticità legate alle condizioni di salute materne».

Ultimo aggiornamento: 19:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA